ingredienti
  • Aceto di vino bianco 40 gr
  • Olio extravergine d’oliva 120 gr • 29 kcal
  • Sale marino 1 pizzico • 286 kcal
  • Pepe nero q.b. (facoltativo) • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La vinaigrette è un'emulsione a base di olio e aceto, un condimento tipico della cucina francese, utilizzato solitamente per condire l'insalata, i contorni di verdure cotte, ma anche carne e pesce. La vinaigrette è la salsa ideale nel periodo estivo, quando si ha voglia di piatti freschi ma comunque saporiti. Queste deliziosa emulsione si prepara unendo 2/3 di olio e 1/3 di aceto e aggiungendo un po' di sale. Importante emulsionare bene i liquidi in modo che i sapori siano ben riconoscibili senza sovrapporsi. La preparazione di base può essere poi personalizzata con diverse varianti: potete ad esempio aggiungere senape, pepe e altri aromi, per realizzare ogni volta una vinaigrette diversa e sempre gustosa.

Come preparare la vinaigrette

Versate il sale in una ciotola, aggiungete poi l'aceto bianco e mescolate con una frusta a meno per sciogliere il sale. Mentre continuate a mescolare versate l'olio a filo per emulsionare: in alternativa potete utilizzare anche il mixer. Aggiungete un po' di pepe, se volete, e continuate a frustare fino a quando la vinaigrette non sarà omogenea. I due liquidi non dovranno essere separati, ma perfettamente emulsionati. La vostra vinaigrette è pronta per essere utilizzata.

Consigli

Per definire l'intensità del sapore acidulo della vostra vinaigrette, potete aumentare o diminuire la dose di aceto o, in alternativa, sostituirlo con aceto di vino rosso o con aceto balsamico.

All'aceto e all'olio potete aggiungere anche la senape di Digione e il pepe. In questo caso fate attenzione all'ordine di inserimento degli ingredienti: aceto, senape, pepe, sale e aggiungete l'olio solo alla fine: è il più leggero di tutti, quindi galleggia.

Una volta trovato il giusto equilibrio della vinaigrette, potete aggiungere anche delle erbe aromatiche, come rosmarino, basilico, menta, timo o maggiorana.

Varianti

Tra le varianti più conosciute della vinaigrette c'è la citronette: per la preparazione di questa salsa viene utilizzato il succo di limone al posto dell'aceto. La consistenza finale sarà la stessa, ma il sapore della citronette è più fresco e viene utilizzata soprattutto per condire insalata, carne bianca oppure per marinare la carne.

Vinaigrette alla senape: aceto, olio ma anche senape per creare una gustosa vinaigrette ottima per condire insalate ma anche secondi piatti di pesce.

Vinaigrette al limone: grattugiate finemente l'aglio, aggiungete l'olio e la senape. Tenendola sempre in frigo, potrete condire fritture, insalate e grigliate.

Vinaigrette al miele: l'ideale per condire formaggi, verdure o frutta. Basta aggiungere un po' di miele per dare un'essenza dolce.

Vinaigrette curcuma e cumino: in alternativa potete rendere la salsa più speziata con un pizzico di curcuma o di cumino, che si sposano alla perfezione con la vinaigrette.

Vinaigrette all'aceto di mele: usare l'aceto di mele al posto dell'aceto di vino rende più delicato il condimento che potrebbe essere usato per insalate e carni bianche.

Vinaigrette brasiliana: in Brasile è facile trovare una vinaigrette con pomodori e cipolle, molto gustosa e buona per le carni rosse.

Come conservare la vinaigrette

Potete conservare la vinaigrette in frigo per 2 giorni al massimo all'interno di un vasetto di vetro con chiusura ermetica. Prima di utilizzarla emulsionatela, in quanto la parte liquida e la parte oleosa tenderanno a separarsi nella fase di riposo.