ingredienti
  • Per una torta paradiso
  • Burro 220 gr • 43 kcal
  • Zucchero bianco 200 gr • 750 kcal
  • Fecola di patate 150 gr • 174 kcal
  • Farina tipo 00 60 gr • 750 kcal
  • Uova 3 • 79 kcal
  • Lievito in polvere per dolci 1 bustina • 600 kcal
  • Buccia grattugiata di limone 1
  • Uova 2 tuorli • 79 kcal
  • Per decorare
  • Zucchero a velo q.b. • 79 kcal
  • Per la crema al latte
  • Latte condensato 80 gr • 321 kcal
  • Panna da montare, 300 ml • 335 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La Torta Paradiso è un dolce tradizionale lombardo realizzato con una base molto simile al Pan di Spagna e una farcitura di crema al latte. Il suo sapore ricorda vagamente quello della torta Margherita da cui differisce per la presenza di una dose di burro davvero notevole (più di 200 grammi) che dev'essere montato a crema. Nasce a Pavia nel 1878 grazie alla creatività del pasticciere Enrico Vigoni che creò una torta friabile e leggera, definita, in seguito, da un suo cliente come "torta del Paradiso". In seguito, grazie alla commercializzazione della merendina Kinder Paradiso, è divenuta molto amata anche dai bambini.
Per essere perfetta, la Torta Paradiso deve essere soffice come una nuvola, friabile e deve sciogliersi in bocca. Basta prendere gli ingredienti giusti e seguire passo passo le istruzioni della nostra ricetta e avrete anche una base per preparare torte farcite.

Come si prepara una torta paradiso

Rompete le uova e i tuorli in una ciotola e frullate con lo sbattitore elettrico.

Aggiungete lo zucchero quando la crema vi sembra abbastanza liquida e la buccia del limone grattato. Frullate per far incorporare bene il composto.

Quando il composto è spumoso, unite il burro ammorbidito e frullato per una decina di minuti in precedenza e amalgamate.

Setacciate la farina con il lievito in polvere e aggiungetela al composto poco alla volta. Setacciate la fecola di patate e unitela al composto. Mescolate fino a creare un composto morbido e spumoso.

Imburrate, infarinate una teglia e trasferite il composto nella teglia.

Livellate bene il composto nella teglia a cerniera con l'aiuto di una spatola. Infornate e fate cuocere per circa 40 minuti in forno preriscaldato a 170°.

Sfornate la torta e fatela intiepidire. Spolverate con lo zucchero a velo e servite la torta paradiso a fette,

Consigli

Perché si sgonfia la torta paradiso?

A fine cottura nel forno potrebbe capitare perché gli ingredienti da frigo non sono stati utilizzati a temperatura ambiente. In questo caso la torta potrebbe essere bassa e apparire cruda dentro. Inoltre il forno va sempre preriscaldato in modalità statica. Nel momento in cui inserite nel forno la torta, deve essere a una temperatura più alta rispetto a quella indicata nella ricetta perché, durante l'apertura, si abbassa il calore. Dopo aver inserito il dolce, regolatelo in base alla temperatura indicata nella ricetta.

Perché la torta paradiso è venuta gommosa?

Probabilmente avrai usato il forno ventilato al posto dello statico oppure non hai messo gli ingredienti nelle giuste proporzioni. Hai provato, invece, a montare a lungo assieme tuorli e zucchero fino a che diventino spumosi? Aggiungi poi il latte, il lievito, la farina e i vari aromi.

Come decorare la torta paradiso

Usate la pasta di zucchero con cui potete fare cuori, fiori e tante altre raffinatezze.

Conservazione

Vi consigliamo di conservare la torta paradiso a temperatura ambiente per circa tre giorni. Ricordate di non consumarla subito ma di aspettare almeno 12 ore prima di fare il primo morso. Questa torta è buonissima anche servita fredda e, incredibile a dirsi, è anche più buona dopo un giorno dalla cottura. Se volete conservare la torta per più giorni vi basterà avvolgerla in un foglio di alluminio e conservarla in un luogo fresco e asciutto.