ingredienti
  • Cozze 1,5 kg • 58 kcal
  • Spaghetti 400 gr • 365 kcal
  • Aglio 2 spicchi • 90 kcal
  • Prezzemolo q.b. • 18 kcal
  • Sale marino q.b. • 1 kcal
  • Pepe nero q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 270 kcal
  • Passata di pomodoro 350 gr • 18 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Gli spaghetti con le cozze sono un primo piatto tipico della tradizione culinaria italiana. Di origine napoletana, facili e veloci da preparare, sono immancabili sulle tavole di case e ristoranti soprattutto durante i mesi estivi, ma possono essere consumati durante tutto l’anno. Protagonisti indiscussi di questa ricetta sono le cozze e il pomodoro. Attenzione, però, alla cottura dei molluschi: se mangiati crudi possono essere pericolosi per la salute. Per questo, assicuratevi sempre che siano ben cotti.

Come si preparano gli spaghetti con le cozze.

Pulizia dei molluschi.

Prima di procedere con la preparazione del piatto, pulite le cozze. Non è difficile, ma bisogna essere molto prudenti e seguire con precisione tutte le indicazioni. Mettete i frutti di mare in una bacinella piena d’acqua e sciacquateli. Con un coltello eliminate tutte le impurità che compaiono sul loro guscio. Tagliate via anche la barbetta, o bisso, che esce dalle valve. Risciacquatele, continuando a sfregarle con una spugnetta ruvida, asciugatele e saranno pronte per essere cucinate.

Ovviamente, il consiglio è quello di utilizzare molluschi freschi, dal colore nero lucente e dall’odore gradevole. In alternativa, potete usare cozze surgelate. Nella maggior parte dei casi le potrete acquistare già sgusciate. Fatele scongelare in frigorifero prima di procedere con la loro cottura.

Preparazione.

Dopo aver pulito le cozze, fate rosolare in un tegame un po’ di olio extravergine d’oliva con uno spicchio d’aglio schiacciato. Dopo qualche minuto, togliete l’aglio e versate i molluschi. Coprite con un coperchio e lasciate che le cozze si schiudano completamente. Agitate di tanto in tanto la padella, poi scolatele in un colapasta e sgusciatele. Conservatene anche qualcuna col guscio per decorare il piatto alla fine. Intanto, in un’altra casseruola fate cuocere per qualche minuto aglio, olio e prezzemolo tritato. Aggiungete le cozze sgusciate, la passata di pomodoro, o pomodorini freschi, e un po’ di acqua di cottura dei frutti di mare.

Coprite il tutto con un coperchio e lasciate cuocere per 20 minuti. Intanto, preparate la pasta. Utilizzate spaghetti, linguine o vermicelli. Quando mancano tre minuti alla cottura, scolateli e uniteli alle cozze sgusciate. Risottate gli spaghetti aggiungendo il restante liquido delle cozze. Salate, pepate e servite il vostro primo piatto, magari accompagnandolo con un bicchiere di vino bianco o rosato. Decorate con qualche cozza con il guscio.

Potete usare lo stesso procedimento per realizzare gli spaghetti con le cozze e le vongole.

Conservazione.

Gli spaghetti con le cozze sono un piatto che va cotto e mangiato. Potete però anche conservarli in frigorifero per massimo 24 ore, coprendoli con pellicola trasparente. Potete preparare il sugo e conservarlo in frigorifero per massimo un giorno in un contenitore ermetico e poi unirlo alla pasta prima di servire. Si sconsiglia la conservazione in freezer, a maggior ragione se avete utilizzato ingredienti già decongelati.

Varianti.

Gli spaghetti con le cozze sono un primo piatto tipico della tradizione italiana. La loro origine è incerta, dato che molte regioni ne rivendicano la paternità. La ricetta originale, tuttavia, arriva direttamente dalla Campania. Molte sono le varianti, tutte gustosissime. Ecco le più famose

  • spaghetti con le cozze in bianco: non utilizzate il pomodoro. In una padella fate soffriggere olio e qualche pezzetto di peperoncino. Aggiungete poi le cozze, aggiustate con un po’ del loro liquido di cottura e portate a ebollizione. A questo punto versate un po’ di vino bianco e fate sfumare. In questo sughetto riponete poi gli spaghetti, terminando la cottura del piatto. Potete aromatizzare aggiungendo un po’ di erba cipollina o prezzemolo tritato;
  • al gratin: la variante con cozze gratinate è molto buona. Pulite e cuocete le cozze, preparate il sughetto secondo la ricetta originale e realizzate anche il composto per la gratinatura. Vi serviranno pangrattato, pecorino grattugiato, prezzemolo tritato e origano. Spolveratelo sulla pasta già pronta. Utilizzate per questa ricetta spaghetti o rigatoni;
  • alla tarantina: usate le cozze pelose, tipiche del mare di Taranto, in Puglia. Come impone la tradizione di questa regione, i frutti di mare vanno aperti a crudo, cuocendoli poi senza guscio. La pasta va condita con sugo rosso, tirato con il liquido delle cozze e diluito solo alla fine;
  • alla siciliana: cuocete le cozze, preparate il sughetto per il condimento con salsa di pomodoro o pomodori freschi, e fate risottare gli spaghetti. Servite con una generosa spolverata di pepe nero e abbondante prezzemolo tritato;
  • Spaghetti allo scoglio: anche questa ricetta arriva dalla Campania. Qui le cozze sono unite alle vongole e ad altri tipi di molluschi e crostacei per un primo piatto tutto da assaporare.

Calorie.

Gli spaghetti con le cozze sono un primo piatto completo e nutriente. Ci sono in genere circa 400 calorie per porzione. Per renderlo più light diminuite l’uso dell’olio. Gustatelo in estate o in riva al mare e non ve ne pentirete.