ingredienti
  • Spaghetti 500 gr • 365 kcal
  • Cozze 700 gr • 58 kcal
  • Vongole 400 gr • 73 kcal
  • Calamari 4 • 70 kcal
  • Gamberi 400 gr • 85 kcal
  • Pomodorini due manciate • 20 kcal
  • Vino bianco un bicchiere • 21 kcal
  • Olio extravergine di oliva 4 cucchiai • 79 kcal
  • Aglio uno spicchio • 79 kcal
  • Sale marino q.b. • 750 kcal
  • Peperoncino q.b. • 29 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Gli spaghetti ai frutti di mare sono un primo piatto d'effetto e comprendono totani, gamberi, cozze e vongole ma nulla vieta di utilizzare altre tipologie di frutti di mare, cioè tutti i molluschi con guscio. Ovviamente, a seconda del pesce che userete il risultato varierà ma, sicuramente, sarà sempre ottimo.

Come si fanno gli spaghetti ai frutti di mare

Lasciate a bagno in acqua abbondante le vongole per circa 2/3 ore in modo che spurghino la sabbia in esse contenuta. Lavatele sotto acqua corrente e scolatele. Pulite le cozze togliendo la barba, sciacquatele e mettetele in una padella con le vongole e un goccio d'acqua cuocendole per circa quattro minuti.

Filtrate il liquido rimasto e conservatelo.

Fate soffriggere in una pentola l'olio e uno spicchio d'aglio. Fate scaldare e aggiungete i totani puliti e tagliati a pezzetti.

Sfumate con il vino bianco e aggiungete l'acqua filtrata dei molluschi per insaporire il pesce. Cuocete a fiamma bassa per 10 minuti e, quasi alla fine della cottura, aggiungete i pomodorini salando a piacere.

A cottura quasi ultimata, aggiungete i gamberi, le cozze e le vongole.

Cuocete gli spaghetti al dente, scolateli e versateli nella padella con i frutti di mare.

Mescolate bene il tutto su fiamma viva per un minuto, togliete dal fuoco e servite ancora caldo.

Consigli

Per cucinare i frutti di mare potete utilizzare anche altri formati di pasta: le linguine sono più doppie degli spaghetti e possono essere la giusta scelta se si usa molto condimento; anche i paccheri sono famosi per accogliere al meglio il condimento e sono indicati per questo tipo di pasta.

Potete abbinare un vino bianco molto corposo, che possa risaltare la freschezza del misto mare. Ottimi, quindi, i vini prodotti in Sardegna e sulla costa ionica della Calabria.

Spaghetti ai frutti di mare: le varianti

Lo spaghetto allo scoglio è famoso anche per le sue varianti, tutte molto gustose e da proporre in base alle varie occasioni. Partiamo dal sapore delicato del risotto ai frutti di mare, perfetto se innaffiato col suo brodo, per arrivare alla variante napoletana degli spaghetti ai frutti di mare pieni di pomodoro. Se, però, andiamo più a fondo, possiamo accostare i frutti di mare a degli ingredienti davvero insoliti:

Spaghetti allo scoglio

Gli spaghetti allo scoglio sono una variante degli spaghetti ai frutti di mare ma in bianco. Vi consigliamo di utilizzare le linguine, 500 grammi di vongole (o altri frutti di mare), vino bianco per sfumare, aglio, olio di oliva e prezzemolo.

Spaghetti con astice e frutti di mare

Il profumo e il gusto del mare in un solo piatto. Il procedimento è quello classico ma il sapore è speciale. Ricordate di intaccare l'astice prima di metterlo in padella. Eventualmente cospargete con bottarga e provatela nella versione col nero di seppia.

Spaghetti con asparagi e frutti di mare

Un mazzo di asparagi verdi per un accoppiamento giudizioso. Dovete mondare gli asparagi conservando solo le punte e la parte del gambo più tenera.

Spaghetti con pesto ai frutti di mare

Unire mare e terra è abbastanza ardito eppure quest'accostamento non vi dispiacerà se cercate la novità in cucina: prima fate il pesto, poi aggiungete il misto mare condendo il tutto con un po' di sale.

Spaghetti frutti di mare e funghi

Una ricetta estiva, da preparare soprattutto d'estate, aggiungendo degli champignon freschi.