Il seitan è un alimento di origine vegetale altamente proteico, povero di grassi e privo di colesterolo: un ingrediente molto utilizzato nella cucina vegana e vegetariana, che si ricava dal glutine del grano tenero o di altri cereali. Il seitan viene utilizzato un sostituto della carne, in quanto ricco di proteine vegetali, perfetto da accompagnare con verdure di stagione.  Può essere considerato l'alimento ideale per ogni dieta: è però controindicazione per i soggetti celiaci o intolleranti al glutine e per chi soffre di diabete. Scopriamo allora cos'è il seitan e come prepararlo a casa.

Seitan: cos'è

Il seitan è un alimento altamente proteico che si ricava dal glutine del grano tenero, del farro o del khorasan. Secondo la ricetta tradizionale, si ottiene estraendo il glutine dalla farina di frumento: viene poi impastato e lessato in acqua insaporita con aromi vari, salsa di soia e alga kombu. Il seitan ha un aspetto simile alla carne, anche se il suo sapore è più delicato e la consistenza è più morbida ed elastica, ciò grazie all'elevato contenuto di glutine e alla presenza di due proteine: gliadina e glutenina. Viene considerato un'ottima alternativa alle tradizionali fonti proteiche di origine animale, proprio grazie all'alta concentrazione di proteine vegetali.

Il seitan non fa male, è però sconsigliato in caso di celiachia e diabete: in quanto è un concentrato di glutine, ed è quindi controindicato per chi soffre di queste 2 patologie. Potete trovare il seitan in vendita nei supermercati, in erboristeria o nei negozi specializzati sotto forma di salsiccia, bistecca, spezzatino,ecc.., potete però preparlo anche a casa: ecco due metodi di preparazione.

Come preparare il seitan con il metodo tradizionale

Il processo di estrazione del glutine dal frumento è il metodo più utilizzato per la preparazione del seitan. Il metodo parte quindi dalla farina di grano e si divide in 3 fasi: preparazione dell'impasto, lavaggio e cottura. In una pentola piena d'acqua inserite gli aromi: sedano, carota, prezzemolo, 2 cucchiai di sale, salsa di soia e alcuni pezzi di alga kombu, e fate bollire. In una ciotola impastate la farina di grano con acqua e sale e fate riposare per mezz'ora. Lavate poi l'impasto in un colino sotto acqua corrente, così da dividere l'amido dal glutine: grazie all'acqua fredda raggiungerà una consistenza solida e compatta. Ora potete cuocere il glutine in acqua bollente per 40 minuti. Il vostro seitan è ora pronto per essere utilizzato per le vostre ricette: potete tagliarlo a fette, a pezzetti o tritarlo, in base alle specifiche esigenze.

Seitan: preparazione veloce

Se volete preparare il seitan in casa, ma avete poco tempo, potete ricorrere alla farina di glutine già pronta mescolata con la farina bianca. In questo caso bisognerà preparare il brodo con sedano, carota, cipolla, alga kombu e aromi vari, e l'impasto con farina di glutine, spezie in polvere a piacere: l'acqua per l'impasto deve essere della stessa quantità della farina che utilizzerete. Impastate poi il glutine e conferitegli la forma che preferite: il seitan, così preparato, può essere conservato nel brodo per 5-6 giorni.

Come servire il seitan

Il seitan può essere utilizzato in cucina con preparazioni che ricordano la carne quindi spezzatino, arrosto, ragù, ma può essere anche semplicemente affettato e servito con contorno di verdure di stagione, oppure preparato come una scaloppina con funghi o con una caponata di verdure. Potete anche realizzare anche una ricca insalata: tagliate il seitan a dadini e aggiungete pomodorini, spinacino, noci, germogli di soia e condite con olio extravergine d'oliva e salsa di soia, realizzarete così un piatto unico davvero completo. Ricordate che il seitan è privo dell'amminoacido lisina e della vitamina B12, per questo deve essere integrato con legumi o cereali che possono fornire gli amminoacidi mancanti.