ingredienti
  • Vongole 1,5 Kg • 73 kcal
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 21 kcal
  • Prezzemolo tritato q.b. • 79 kcal
  • Vino bianco 1/2 bicchiere • 21 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il sautè di vongole è un una pietanza semplice e saporita, tipica della Campania: una delle ricetta più classiche e veloci da realizzare con questi gustosi molluschi. Per la preparazione potete scegliere le vongole più piccole, ma molto saporite, oppure le vongole veraci, più grandi e scenografiche: le prime si trovano più facilmente e hanno un costo inferiore, mentre le seconde sono più care. Sta a voi quindi la scelta, in base alle esigenze e al gusto personale: in ogni caso, prima di cuocerle sarà importante spurgarle in acqua salata, così da eliminare i residui di sabbia. Il termine sautè, di origine francese, significa saltare e fa proprio riferimento al metodo di realizzazione di questa ricetta: le vongole, infatti, vengono fatte saltare in padella a fiamma vivace con olio, aglio, prezzemolo e sfumate con vino bianco, così da preservarne tutto il sapore. Questa tecnica si utilizza anche per la preparazione di altri molluschi, come cozze, lupini o cannolicchi. Una volta pronto, potete gustare il sautè di vongole come squisito antipasto estivo, ma anche come secondo piatto, servito su crostini di pane.

Come preparare il sautè di vongole

Per eliminare i residui di sabbia dalle vongole mettetele a spurgare in acqua di mare oppure in acqua e sale: occorreranno circa 35 gr di sale per ogni litro di acqua. Tenetele in ammollo per circa 2 ore in un contenitore ampio, evitando così di ammassarle. Lavatele sotto acqua corrente, sciacquandole con le mani e strofinandole delicatamente l'una contro l'altra. Fate dorare lo spicchio d'aglio in una padella capiente con olio evo. Unite le vongole e fatele saltare a fiamma vivace con il coperchio, fino a quando non si saranno aperte. Sfumate con il vino bianco e, non appena sarà evaporato, aggiungete il prezzemolo tritato. Il vostro sautè di vongole è pronto per essere servito sui crostini di pane.

Consigli

Potete aggiungere anche il peperoncino agli ingredienti, da unire in padella con l'aglio e l'olio evo: donerà una nota piccante al piatto.

Al posto dei crostini, potete accompagnare il sautè di vongole con fette di pane abbrustolito.

Chi preferisce, dopo aver spurgato le vongole, può farle aprire in una pentola capiente senza condimento. Una volta che saranno tutte aperte, filtrate il liquido di cottura e tenetelo da parte. Fate rosolare poi l'aglio in padella con l'olio, aggiungete le vongole e il vino bianco: non appena sarà sfumato, aggiungete anche il liquido filtrato, lasciate insaporite per pochi mimuti, aggiungete prezzemolo tritato e pepe nero e servite sui crostini di pane. In questo modo sarete sicuri di non trovare residui di sabbia nel vostro soutè.

Alcuni chef preferiscono non sfumare le vongole con il vino bianco, in quanto ritengono che copra il sapore del mollusco, oltre ad asciugarlo troppo. Potete quindi ometterlo dagli ingredienti, se preferite.

Se amate questo squisito mollusco, potete preparare anche gli spaghetti con le vongole, un primo piatto tipico della cucina napoletana, semplice ma ricco di gusto, che conquisterà tutti.

In alternativa potete preparare anche il sautè di cozze, altra pietanza ideale per l'estate, da servire come antipasto o secondo piatto.

Varianti

Anche se il sautè si prepara solitamente in bianco, potete realizzare anche il sautè di vongole con il pomodoro