ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Chiamateli finger food, chiamateli appetizers fatto è che gli  antipasti in versione mignon nell'ultimo decennio hanno conquistato le tavole degli italiani. La loro caratteristica è di essere piccoli, un assaggio che si prende con le dita, da qui il nome finger (dito) food (cibo),  deliziosamente creati per nutrire prima i nostri occhi e poi il nostro stomaco.
La ricetta che vi propongo oggi è ideale per il vostro menu di Pasqua ed è un esempio classico di finger food. Si parte da una semplice frittata di asparagi che viene cotta e tagliata a strisce per poi essere arrotolata per creare simpatiche rondelle da fissare con stuzzicadenti in plastica colorata. Nonostante sia di facile realizzazione, l'effetto scenico è assicurato.
Noi, vista la stagione primaverile, abbiamo scelto di farcire la frittata con gli asparagi, ma nulla vieta – per proporla tutto l'anno – di modificare la verdura usata; potete infatti utilizzare cipolle, zucchine, spinaci, carciofi e via dicendo a secondo dai gusti e delle esigenze, l'unica costante sarà quella di tagliare gli ingredienti usati in pezzi molto sottili o a julienne perchè, per poter arrotolare le strisce, dovrete cuocere la frittata con uno spessore molto sottile.

Come si fanno le rondelle di frittata agli asparagi.

Questa semplice ricetta prevede solamente due ingredienti: gli asparagi verdi coltivati e le uova. Ovvio è che, se avete a disposizione degli asparagi selvatici, il gusto del piatto migliorerà in maniera esponenziale. Considerando però la difficoltà di reperimento di questi ultimi, accontentiamoci del gusto delicato che gli asparagi coltivati regaleranno a questo antipasto.

Come prima cosa lavate gli asparagi sotto un getto di acqua fredda e privateli della parte più coriacea del gambo. Per capire dove tagliare vi basterà tastare con mano il gambo, la parte più dura e quasi legnosa andrà eliminata.

Fatto questo potete iniziare a tagliarli a rondelle. Considerando che la frittata da realizzare dovrà essere molto bassa, le rondelle – quindi – non dovranno superare i tre millimetri di spessore.

Dopo aver tagliato tutti gli asparagi mettete a scaldare, in una padella di circa 30 centimetri di diametro, 3 cucchiai di olio evo insieme allo spicchio di aglio intero. Quando l'aglio si sarà leggermente scurito avrà donato il suo aroma all'olio ma, ovviamente, non andrà fisicamente ad arricchire il ripieno della nostra frittata e quindi dovrete toglierlo. A questo punto aggiungete gli asparagi, fate rosolare un paio di minuti a fuoco basso, bagnate con un poco di acqua salate e coprite, lasciando cuocere il tutto per qualche minuto.

Mentre gli asparagi cuociono aprite le uova in un recipiente, salatele leggermente, pepatele e sbattetele giusto il tempo di amalgamare i rossi con i bianchi. Una piccola precisazione: le uova per fare la frittata non vanno mai sbattute troppo a lungo e non sia mai usare sbattitori o frullatori ad immersione. Vanno solamente rimestate un poco con una forchetta o una frusta, giusto per far si che albumi e tuorli di mischino, questo perchè – nel caso contrario – incorporerebbero troppa aria e la frittata finirebbe per diventare spugnosa.

Unite le uova agli asparagi cotti, livellate bene il tutto e fate cuocere, coperto a fuoco basso, per una decina di minuti, rigirando la frittata quando il lato a contatto con la padella si sarà cotto.

Aspettate che la frittata si raffreddi e poi trasferitela su un tagliere. Con un coltello affilato e facendo molta attenzione tagliatela a strisce  di circa un centimetro, un centimetro e mezzo di larghezza, tagliando poi ogni striscia di circa sette centimetri di lunghezza.

Iniziate ad arrotolare le strisce, fermandole con gli stuzzicadenti. Questo è il passaggio più difficile perchè se la frittata non è abbastanza sottile si romperà mentre l'arrotolate. Così come la frittata di asparagi, anche questo appetizer può essere (anzi, lo sarà per forza) servito freddo.
Ed ora un piccolo trucco nel caso, malaugurato, che vi ritrovaste con una frittata troppo alta. Nulla vi vieta di trasformare le rondelle in mini frittatine, usando dei coppapasta tondi, smerlati o con altre forme di diametro non superiore ai quattro centimetri; vi basterà tagliare con lo stesso stampino delle fette di pan carré su cui posizionerete le mini frittatine, fermare il tutto con gli immancabili stuzzicadenti colorati et voilà, una nuova versione del nostro finger food è pronta da essere servita.