ingredienti
  • Cavolo verza 400 gr • 27 kcal
  • Riso carnaroli 320 gr
  • Scalogno 1 • 20 kcal
  • Brodo vegetale 1 litro • 11 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 79 kcal
  • Sale marino q.b. • 750 kcal
  • Pepe nero q.b. • 79 kcal
  • Parmigiano grattugiato q.b. • 21 kcal
  • Vino bianco 1/2 bicchiere • 21 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il risotto con la verza è un primo piatto invernale a metà tra zuppa e minestra tipico della cucina povera, una ricetta molto diffusa al nord ma che si gusta in tutta Italia: a Napoli troviamo infatti il riso con la verza detto "virz e rise". Per la buona riuscita di questa ricetta è importante che il cavolo verza sia fresco e croccante: una volta pulita e tagliata a striscioline, la verza viene fatta stufare in padella con olio e scalogno tritato, e stufata con il brodo. A parte viene poi tostato il riso che, una volta pronto, si aggiungerà alla verza e si proseguirà la cottura aggiungendo il brodo. Quando il risotto alla verza sarà pronto basterà aggiungere una manciata di parmigiano grattugiato e servire ben caldo: una pientanza nutriente e saporita ottima per riscaldare le fredde giornate invernali.

Come preparare il risotto alla verza

Cominciate a preparare il brodo vegetale, passate poi alla pulizia della verza. Eliminate le foglie esterne, sfogliate la verza (1) e tagliate il torsolo. Ora tagliate le foglie in striscioline,(2) mettetele in un colino e sciacquatele. In una pentola fate scaldare l'olio e aggiungete lo scalogno tritato: fatelo stufare per 5 minuti circa.(3) Aggiungete poi la verza e lasciate cuocere per 5 minuti aggiungendo sale e pepe, coprite con il coperchio e fate stufare a fuoco lento per circa mezz'ora, aggiungendo al bisogno un mestolo di brodo vegetale.

In una padella a parte scaldate l'olio e aggiungete il riso (4) facendolo tostare per 5 minuti: mescolate di continuo e sfumate con il vino bianco. Versate poi il riso nella pentola con la verza e continuate la cottura aggiungendo un po' di brodo alla volta (5) fino a che il riso non sarà cotto. Terminata la cottura, spegnete il fuoco e spolverate con abbondante parmigiano grattugiato: potete anche aggiungere una noce di burro e mantencare per un minuto circa. Il vostro risotto alla verza è pronto per essere servito ben caldo.(6)

Consigli

Oltre al riso Carnaroli potete utilizzare anche l'Arborio o il Vialone Nano, tutte tipologie di riso adatte alla preparazione dei risotti.

Se non avete tempo di preparare il brodo vegetale potete preparare anche il brodo con il dado: in questo caso però non vi sarà possibile gestire la quantità di sale, quindi vi converrà aggiungerne davvero poco al riso e alla verza se non volete che risulti salato. Se invece preparate il brodo vegetale evitate l'aggiunta di sale in modo da regolarvi man mano assaggiando il risotto.

Alla ricetta potete aggiungere anche della pancetta da rosolare e aggiungere allo scalogno prima di stufare la verza. Potete poi donare una nota croccante al piatto anche aggiungendo delle mandorle o nocciole tostate.

Al posto dello scalogno potete utilizzare l'aglio e, se preferite i sapori più intensi, spolverate il risotto alla verza con il pecorino romano grattugiato al posto del parmigiano.

Come conservare il risotto alla verza

Potete conservare il risotto alla verza in frigo per 2 giorni al massimo all'interno di un contenitore ermetico.