ingredienti
  • Riso basmati 340 gr
  • Burro 80 gr • 750 kcal
  • Cipolla 1/2 • 26 kcal
  • Brodo vegetale 800 ml • 11 kcal
  • Sale marino q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il riso pilaf è una pietanza di origine Turca, molto diffusa in tutto il Medio Oriente. Il suo nome deriva dalla parola pilaou e significa "riso bollito". La particolarità di questa pietanza è il metodo di cottura che è per assorbimento, così come avviene per il cous cous: la ricetta tradizionale prevede la tostatura del riso in burro e cipolla tritata e la cottura in forno, con la pirofila coperta con carta stagnola, oppure in una pentola ben chiusa con il coperchio. Sia per la cottura in forno che per quella in pentola, dovrete aspettare che il brodo o l'acqua utilizzati per la cottura si assorbano completamente, senza mescolare, fino a completare la cottura. Le tipologie di riso ideali per questa ricetta sono quelle a grana lunga, tipicamente esotiche, come il riso basmati o il patna, i cui chicchi contengono poco amido. Il riso pilaf è davvero semplice da preparare e, una volta pronto, è l'ideale per accompagnare pietanze di carne o di pesce ma è ottimo anche con le verdure, magari con l'aggiunta di salse a base di spezie come curry o paprika.

Come preparare il riso pilaf

Mettete il riso in un colino, lavatelo sotto acqua corrente, per eliminare l'amido in eccesso, e fate scolare e asciugare.(1) In una padella tipo wok, o in una pentola in acciaio, fate sciogliere il burro, aggiungete poi la cipolla (2)  e fatela rosolare fino a quando non diventa trasparente. Nel frattempo scaldate il brodo vegetale e, se serve, regolatelo di sapidità. Appena la cipolla si sarà leggermente caramellata spegnate il fuoco, aggiungete il riso e fatelo insaporire con il condimento. Trasferite il tutto in una pirofila, sistemate bene il riso livellandolo e versateci sopra il brodo caldo che dovrà superare di 1 cm lo strato di riso. Coprite con la carta stagnola e fate cuocere in forno statico per 35 minuti a 190°. Una volta terminata la cottura, togliete la carta stagnola e sgranate il riso con una forchetta. Il vostro riso pilaf è pronto per essere servito.(3) Potete accompagnarlo alle pietanze che preferite: carne, pesce o verdure, per un piatto vegetariano.

Consigli

Per aromatizzare il vostro riso pilaf potete aggiungere 1 pezzetto di cannella e 4 chiodi di garofano da far insaporire con burro e cipolla, prima di cuocere il riso.

La cottura del riso pilaf può essere realizzata anche in pentola: fate tostare il riso con cipolla e burro, aggiungete poi il brodo, coprite il tegame con un coperchio e fate cuocere per 15/20 minuti, a fuoco moderato senza mai girare, e fino a quando il brodo non si sarà completamente asciugato. Una volta pronto sgranatelo e servitelo.

Potete aggiungere anche una bustina di zafferano al brodo per conferire al riso pilaf colore e sapore.

Se non avete il brodo potete preparare il riso pilaf anche con l'acqua. In ogni caso la proporzione ideale tra liquido e riso dovrà essere di 200 ml per 100 gr.

Il riso pilaf è l'ideale per accompagnare il pollo al curry , pietanza di origine asiatica dal sapore esotico, oppure il pollo tandoori, piatto tipico della tradizione indiana.

Come conservare il riso pilaf

Potete conservare il riso pilaf in frigo per 2 giorni coperto con pellicola trasparente. Prima di servirlo scaldatelo in padella con un po' di burro.