ingredienti
  • Per 30 tartufi
  • Formaggio caprino 400 gr • 240 kcal
  • Olive verdi 60 gr • 142 kcal
  • Per la copertura
  • Semi di sesamo q.b. • 750 kcal
  • Erba cipollina q.b. • 30 kcal
  • Paprika forte q.b. • 29 kcal
  • Semi di papavero q.b.
  • Noci q.b. • 660 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Questi tartufi di caprino, a dispetto dell'apparenza,  non sono proprio semplicissimi da realizzare. In realtà sono solo "scomodi" da preparare perchè il caprino non è il formaggio più facile da modellare con le mani nude. Si può cercare di risolvere l'impasse oliandosi le mani e lavorando il formaggio come se fosse creta morbida, modellando la pallina di caprino con l'aiuto delle dita. Fatte le varie palline il più è sistemato, vi basterà scegliere la copertura desiderata e il gioco sarà fatto.
Io vi ho fornito alcuni spunti ma molte altre potrebbero essere le idee valide: pistacchi tritati,  semi di lino, paprika dolce mista a qualche seme di peperoncino e via dicendo.
Questi piccoli tartufi di caprino sono così buoni che – parola mia – vi dimenticherete della fatica fatta per prepararli. E, oltre ad essere buoni sono anche scenografici e gluten free, il che non guasta!

(per assicurarvi di utilizzare solo alimenti gluten free per la preparazione della ricetta dei tartufi di caprino consultate il prontuario sul sito dell'AIC)

Come si fanno i tartufi di caprino

Come prima cosa da fare nella preparazione della ricetta dei tartufi di caprino c'è la scelta della copertura degli stessi; io ho proposto semi di sesamo, erba cipollina, noci eccetera ma nulla vieta di scegliere spezie o frutta secca alternativa.

Gli ingredienti principali della ricetta gluten free di oggi sono il formaggio caprino (mi raccomando, ben asciutto) e le olive verdi denocciolate.

Come prima cosa sciacquate velocemente le olive verdi sotto acqua fredda, asciugatele e infine tagliatele a rondelline

inseritele in un tritatutto elettrico e riducetele a pezzettini (basteranno due o tre secondi).

in una ciotola amalgamate il caprino con il trito di olive verdi fino a creare un impasto cremoso

ora arriva la parte più difficile della ricetta: ungete le mani con dell'olio, prendete un poco di impasto con un cucchiaio e iniziate a creare – aiutandovi con le dita – delle palline di formaggio della grandezza di piccole noci (dovranno essere facilmente mangiabili in un sol boccone)

adagiate delicatamente ogni tartufino su un piatto e fateli rassodare in frigorifero per venti minuti circa. Incredibile a dirsi ma – trascorso questo tempo, i tartufi saranno più facili da maneggiare.  A questo punto passate a preparare le coperture: tritate le noci a coltello

tostate leggermente i semi di sesamo in una padella antiaderente (basteranno 3/4 minuti a fuoco basso) e mettete il tutto su uno o più piatti insieme all'erba cipollina tagliata a pezzetti (ho usato quella secca per comodità ma va benissimo l'erba cipollina fresca) alla paprika forte e ai semi di papavero

prendete un tartufino di caprino alla volta e iniziate a passarlo delicatamente nella paprika fino a ricoprilo completamente, il secondo passatelo nei semi di papavero e via dicendo. Se avete creato trenta tartufi di caprino e preparato cinque coperture potrete ottenere sei tartufi per ogni gusto (la matematica non è un opinione d'altronde…)

Adagiate i tartufi di caprino uno ad uno su un piatto di portata. Ora potete infilzarli con piccole forchettine di legno o di plastica che aiuteranno i commensali a mangiarli oppure portarli a tavola così come sono, accompagnandoli con le forchettine suddette a cui i vostri ospiti potranno attingere per servirsi.

Buon appetito!