ingredienti
  • Per la base
  • Farina 00 350 gr • 600 kcal
  • Uova 3 • 600 kcal
  • Latticello 250 gr
  • Cacao amaro in polvere 15 gr
  • Burro a temperatura ambiente 150 gr
  • Zucchero 300 gr • 600 kcal
  • Olio di semi 200 ml • 690 kcal
  • Colorante alimentare rosso 1 cucchiaio
  • Vanillina 1 bustina • 750 kcal
  • bicarbonato 1 cucchiaino
  • Aceto bianco 1 cucchiaino
  • Sale fino 1 cucchiaino • 79 kcal
  • Per la crema
  • Formaggio cremoso 650 gr
  • Burro 200 gr • 750 kcal
  • Zucchero 200 gr • 600 kcal
  • Vanillina 1 bustina • 750 kcal
  • Latte 50 ml • 600 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La red velvet cake, che letteralmente significa "Torta di velluto rosso", è una torta di origine americana golosa e spettacolare. La particolarità della red velvet è il suo colore rosso acceso che crea contrasto con il bianco del frosting al formaggio: un accostamento cromatico che la rende scenografica e perfetta da realizzare come torta di compleanno o dolce delle feste. A renderela unica è anche il suo sapore leggermente acidulo, dovuto alla crema realizzata con vaniglia, zucchero, burro e crema di formaggio, che si sposa alla perfezione con la base soffice della red velvet, che non necessita di alcuna bagna. Prepararla a casa non è difficile: c'è bisogno solo di un po' di tempo. Realizzerete così una torta squisita che conquisterà tutti.

La nascita della red velvet cake risalirebbe agli inizi del Novecento quando, negli Stati Uniti, veniva servita nel ristorante del Waldorf Astoria Hotel. Ma la torta "rossa", così come la conosciamo oggi, arriva quasi sicuramente dal Sud degli States: pare che qui negli anni Venti del Novecento un pasticcere volesse rappresentare nella sua cucina il contrasto tra il Bene e il Male. Scelse così una glassa candida e la stese su un impasto rosso fuoco, colore del diavolo, così da conferire a chi la mangiava un forte impatto emotivo. La colorazione accesa era data inizialmente dalla reazione chimica tra l’aceto, il latticello, il bicarbonato di sodio e il cacao.

Come preparare la red velvet

Mettete in una ciotola 125 gr di yogurt magro bianco, 125 ml di latte scremato e 1 cucchiaino di succo di limone. Mescolate e lasciate riposare per mezz'ora. Montate il burro con metà zucchero e aggiungete il resto dello zucchero non appena il composto sarà gonfio. Unite un uovo alla volta e alternatelo a un cucchiaio di farina. Aggiungete l'olio e incorporatelo bene al resto degli ingredienti. Setacciate in una ciotola la farina, la vanillina e il cacao. Unite al composto anche il latticello, alternandolo sempre alla farina. Quando avrete aggiunto tutta la farina unite anche il colorante rosso e mescolate bene. Aggiungete al composto l'aceto e il bicarbonato mescolati insieme. Imburrate e infarinate uno stampo da 24 cm di diametro e cuocete in forno statico a 170° per 45 minuti facendo la prova con lo stecchino.

Sfornate la torta e lasciatela raffreddare nello stampo. Montate il burro a crema con lo zucchero in una ciotola, aggiungete la vanillina e il formaggio. Unite il latte e amalgamate bene. Tagliate la torta orizzontalmente in 3 strati che dovranno avere la stessa altezza e conservate le briciole rosse che utilizzerete per la decorazione. Spalmate uno strato di crema spesso sul primo disco, coprite con il secondo e spalmate altra crema al formaggio. Adagiate l'ultimo disco e spalmatela delicatamente con la crema rimasta. Decorate la red velvet con le bricioline rosse o come più vi piace. La vostra red velvet cake è pronta per essere gustata.

Consigli

Per ottenere una red velvet morbidissima e umida al punto giusto, non lavorate troppo l'impasto.

Nella versione originaria della red velvet non era prevista l'aggiunta di colorante alimentare. Il colore rosso può essere riprodotto, infatti, anche dalla combinazione tra il cacao in polvere naturale e il latticello. Al posto del colorante liquido c'è chi usa la barbabietola fresca. Evitate il colorante liquido o in tubetto, ma preferite quello in polvere. Se acquistate quello liquido fate però attenzione: esistono in commercio quelli adatti alla cottura in forno, o per le preparazioni a freddo.

L'aggiunta di aceto e bicarbonato sono fondamentali per la riuscita della ricetta: permettono infatti al dolce di lievitare alla perfezione e rendono più intenso il colore.

Per essere decorate alla perfezione, le basi della red velvet devono essere ben fredde. Se avete tempo fatele raffreddare per una notte in frigo ricoperte con pellicola trasparente.

La base della red velvet non deve essere bagnata prima della farcitura perché è già morbida.

Per la preparazione della crema potete utilizzare formaggio spalmabile tipo philadelphia o mascarpone.

In alternativa al frosting al formaggio, potete farcire la red velvet con la crema al burro, una preparazione molto utilizzata per la realizzazione di dolci americani.

Conservazione

Potete conservare la red velvet in frigo per 3 giorni al massimo coperta con pellicola trasparente o all'interno di un contenitore ermetico.