ingredienti
  • Pisco 4.5cl
  • Sciroppo di zucchero 2cl
  • Succo di limone 3cl • 29 kcal
  • albume 1
  • Angostura 4 gocce • 247 kcal
  • Cubetti di ghiaccio 2
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il Pisco sour è un cocktail sour a base di pisco, zucchero, lime ed albume di uovo. L'origine di questo cocktail bomba, la cui gradazione alcolica ne fa un drink per veri intenditori, è ancora oggi in dubbio. Perù e Cile si contendono l'origine del pisco, un particolare distillato d'uva, ma sembra che il sour sia nato da un'idea del barman americano Victor Morris che, secondo la leggenda, lo preparò come alternativa al più celebre whiskey sour in un bar peruviano intorno al 1913. Una delle caratteristiche di questo cocktail è la presenza dell'albume d'uovo, che crea una delicata spuma in superficie, condita con qualche goccia di angostura o con una spolverata di cannella. Preparare il Pisco sour è semplicissimo ma fate attenzione: è un cocktail gustoso, deciso e profumato ma per nulla leggero!

Come preparare il pisco sour

Prendete uno shaker, versate il pisco, lo sciroppo di zucchero, il succo di mezzo limone, un albume d'uovo e due cucbetti di ghiaccio (1). Agitate energicamente per un minuto in modo che l'albume inizi a montarsi (2). Versate il cocktail in un bicchiere tipo old fashioned oppure flûte, aggiungete qualche goccia di angostura, guarnite con uno spicchio di limone oppure lime (3) e servite.

Consigli

Potete sostituire le gocce di angostura con una spolverata di cannella o con qualche goccia di amaro peruviano.

Varianti

Per una variante del pisco sour tutta cilena, eliminate dalla lista degli ingredienti l'albume d'uovo.

Curiosità

Se è vero che il Pisco è un distillato di origine sud americana considerata bevanda nazionale sia in Cile che in Perù c'è da dire che l'inventore di questo cocktail fu un barman nordamaericano emigrato in  Perù nel 1916: Morris infatti, trasferitosi da Salt Lake City, inventò il Pisco sour in alternativa al whiskey sour per nobilitare il liquore locale. La sua idea. ovviamente, conquistò peruviani e americani che nel periodo del proibizionismo viaggiavano verso il sud America e godevano dei cocktail esotici e freschi!

La parola "pisco" deriva dai contenitori di coccio in cui veniva anticamente servito questo liquore.