ingredienti
  • Fave 200 gr gia sgranate • 55 kcal
  • Pecorino 80 gr • 332 kcal
  • Olio extravergine di oliva 75 ml • 79 kcal
  • Menta 4-5 foglie
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Sale marino q.b. • 750 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il pesto di fave, conosciuto anche come Marò o Pestun, è una ricetta tipica della tradizione culinaria ligure, in particolare della zona di Levante. Questo delizioso pesto a base di fave, aglio, pecorino, olio e menta, si realizza principalmente in primavera, quando è possibile trovare le fave fresche. Si tratta di una delicata variante del classico pesto alla genovese , dalle origini antiche e umili: veniva infatti preparato da famiglie contadine per insaporire il pane secco. Oggi viene utilizzato anche come delizioso condimento per la pasta o per accompagnare secondi piatti: soprattutto carni arrosto o alla griglia. Ecco come realizzarlo in modo facile e veloce.

Come preparare il pesto di fave

Sgranate le fave (1) ed eliminate la buccia esterna più dura e la pellicina che riveste le fave: in questo modo avremo solo la parte più tenera. Versate le fave nel mixer e aggiungete l'aglio sbucciato, il pecorino grattugiato, la menta e l'olio a filo. Azionate il mixer frullando a intermittenza, interrompendo dopo pochi secondi: un questo modo le lame non si scalderanno eccessivamente. Frullate fino ad ottenere una salsa omogenea (2) e, una volta pronta, sistematela in una ciotola e aggiungete, se necessario, un po' di olio extravergine d'oliva. Se non la consuate subito, coprite con della pellicola trasparente. Il vostro pesto di fave è pronto per essere gustato o utilizzato per le vostre preparazioni.(3)

Consigli

Il pesto di fave si realizza principalmente in primavera, quando è possibile trovare le fave fresche: in altri periodi dell'anno è possibile utilizzare le fave secche oppure le fave surgelate, già sgranate. Fatele sbollentare in acqua per 2-3 minuti, prima di frullarle nel mixer con gli altri ingredienti.

Per rendere ancora più gustoso il vostro pesto di fave potete aggiungere una manciata di pinoli o di mandorle, oppure qualche gheriglio di noce. Potete poi sostituire il pecorino con il parmigiano o con la ricotta salata, per donare al pesto di fave un gusto più delicato.

Per evitare che le lame del mixer si surriscaldino troppo, sistematele in frigo almeno un'ora prima della preparazione, e frullate ad intermittenza fino a raggiungere la consistenza desiderata. In questo modo preserverete le vitamine contenute nelle fave.

Come conservare il pesto di fave

Potete conservare il pesto di fave in frigo per 3 giorni al massimo, aggiungendo olio extravergine d'oliva, coperto con pellicola trasparente o all'interno di un contenitore con chiusura ermetica. In alternativa potete congelare il pesto in piccoli vasetti per un paio di mesi e consumarlo all'occorrenza: scrivete la data di preparazione sui vasetti.