ingredienti
  • Peperoncino piccante fresco 500 gr
  • Sale marino 4 cucchiai • 750 kcal
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 21 kcal
  • Aceto bianco 250 ml
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I peperoncini sott'olio sono una conserva facile e veloce da preparare. Per realizzarli croccanti e senza muffe, evitando anche il rischio botulino, vi occorreranno semplici consigli e pochi ingredienti: peperoncini piccanti freschi, sale, aceto, olio extravergine d'oliva e vasetti sterilizzati.  Seguendo tutti i passaggi alla perfezione otterrete una conserva squisita, proprio come quella preparata dalle nostre mamme e dalle nostre nonne: i vostri peperoncini piccanti saranno così croccanti, e non correrete il rischio di trovarli mollicci e ammuffiti.  Una volta pronti, conservate i vostri peperoncini piccanti sott'olio e utilizzateli come condimento per pasta, bruschette, o per le ricette a cui volete donare un sapore forte e deciso. Inoltre potete utilizzare l'olio piccante dei peperoncini, chiamato anche olio santo, per insaporire e aromatizzare le vostre pietanze.

Come preparare i peperoncini piccanti sott'olio

Indossate dei guanti  per alimenti, lavate i peperoncini piccanti e temponateli bene con un panno di cotone. Eliminate il picciolo verde, tagliate i peperoncini a pezzetti e adagiateli in una ciotola. Aggiungete il sale fino, mescolate e coprite con un canovaccio pulito: fate riposare così per 12 ore mescolando di tanto in tanto. Trascorso il tempo necessario passate i peperoncini nello schiacciapatate, così da eliminare l'acqua in eccesso. Sistemateli di nuovo in una ciotola, copriteli con l'aceto e lasciate riposare per 10 minuti. Dopo questo passaggio strizzateli di nuovo con lo schiacciapatate e tamponateli con la carta da cucina. Trasferite ora i peperoncini nei vasetti sterilizzati, pressateli e copriteli con olio extravergine d'oliva, fino a 1/2 centimetro dal bordo. Fate riposare per un paio d'ore senza richiuderli e aggiungendo, se necessario, altro olio per il rabbocco. Aggiungete eventualmente un pressino, chiudete i vostri vasetti e riponete i peperoncini sott'olio in luogo fresco e buio.

Consigli

Il sale è indispensabile per eliminare l'acqua che i peperoncini contengono naturalmente. Senza questo fondamentale passaggio non sarà possibile conservare a lungo i peperoncini piccanti sott'olio: dopo pochi giorni, infatti, svilupperebbero delle muffe.

Ricordate di indossare sempre dei guanti per alimenti usa e getta quando preparare i peperoncini sott'olio, così da evitare il contatto diretto con le mani che potrebbero causare bruciore agli occhi o ad altre parti delicate del corpo.

Quando aprite i peperoncini, man mano che li utilizzate aggiungete altro olio, se necessario, così da coprire i peperoncini rimasti nel vasetto: non devono infatti rimanere a contatto con l'aria.

Chi preferisce potrà utilizzare i peperoncini interi, in base alle vostre preferenze personali e all'uso che ne farete.

Varianti

In alternativa potete preparare i peperoncini sott'olio senza aceto, una ricetta veloce e genuina. Lavate 400 gr di peperoncini e tagliateli in pezzi più piccoli, oppure lasciateli interi. Versate in una casseruola 250 ml di olio extravergine d'oliva e fatelo scaldare per 1 minuto. Unite i peperoncini e lasciate proseguire la cottura per circa 15 minuti. Unite poi 3 cucchiaini di sale e mescolate di tanto in tanto. Portate a termine la cottura e travasate i peperoncini in vasetti sterilizzati: aggiungete altro olio fino a ricoprirli tutti. Chiudete i vasetti e fateli bollire in pentola per un quarto d'ora. Fate poi raffreddare i barattoli capovolgendoli su un canovaccio di cotone. Non appena saranno completamente raffreddati, potete conservare i vostri peperoncini sott'olio per diverse settimane in un luogo fresco e al riparo da luce e fonti di calore.

Conservazione

I barattolini chiusi possono conservarsi fino a un anno: se notate bollicine, o se dovessere diventare mollicci, non esitate a gettarli via. Una volta aperti conservate i peperoncini sott'olio in frigo per pochi giorni.