ingredienti
  • Pappardelle 360 gr
  • Carne macinata di cinghiale 500 gr
  • Cipolla 1 • 26 kcal
  • Carota 1
  • Sedano 1 costa • 661 kcal
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Alloro 1 foglia
  • Rosmarino q.b. • 661 kcal
  • Passata di pomodoro 350 gr • 18 kcal
  • Sale q.b. • 79 kcal
  • Pepe nero q.b. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Le pappardelle al cinghiale sono un primo piatto rustico e prelibato, un piatto arricchito con un ragù robusto e saporito, come nella tipica preparazione culinaria della maremma toscana. Nella nostra ricetta utilizzaremo la carne macinata di cinghiale, che non richiede la fase di marinatura. La carne sarà rosolata in un trito di carote, cipolle, sedano, aglio ed erbe aromatiche e poi sfumata con il vino rosso. Infine verrà aggiunta la passata di pomodoro, che completerà la preparazione del sugo di cinghiale. Il condimento avvolgerà poi le vostre pappardelle, in un mix unico di sapori e profumi. Ma ecco come preparare questo appetitoso primo piatto in pochi passaggi.

Come preparare le pappardelle al ragù di cinghiale

Lavate il sedano e privatelo dei filamenti esterni, pelate la carota e mondate aglio e cipolla. Tritate il tutto finemente, lasciando solo l'aglio intero. Fate soffriggere il tutto in una pentola con l'olio per una decina di minuti a fuoco basso. Unite la carne tritata di cinghiale con l'alloro e il rosmarino, e lasciate rosolare per 10-15 minuti rigirando di tanto in tanto, così da rendere uniforme la cottura. Aggiungete il vino rosso e lasciatelo sfumare.

Non appena sarà evaporato unite la salsa di pomodoro, aggiungete sale e pepe e cuocete con il coperchio e a fuoco lento per circa 3 ore, mescolando ogni tanto. Togliete poi il coperchio e continuate la cottura per un'altra mezz'ora. Cuocete le pappardelle in abbondante acqua bollente e salata, scolatela al dente direttamente nel ragù di cinghiale, e mescolate fino ad amalgamare bene i sapori. Le vostre pappardelle al sugo di cinghiale sono pronte per essere portate in tavola ben calde.

Consigli

Se per la preparazione della ricetta utilizzate la polpa, dovrete aggiungere la fase di marinatura della carne di cinghiale, così da smorzarne il sapore selvatico. Fate marinare la carne di cinghiale per 3 ore con vino rosso, brandy, erbe aromatiche, sedano, cipolla, aglio e carota. Scolate poi la carne e macinatela con tutti gli ingredienti della marinata. Aggiungete poi il liquido della marinatura alla cottura, dopo aver rosolato la carne.

Se utilizzate la pasta all'uovo la quantità per 4 persone sarà di 250 gr. Chi preferisce potrà preparare la pasta fresca all'uovo in casa, così da rendere le vostre pappardelle al cinghiale ancora più prelibate.

Se volete preparare le pappardelle al cinghiale in bianco aggiungete il latte per ammorbidire la carne: sfumate con il vino bianco e aggiungete il latte bollito in precedenza. Lasciate cuocere a fuoco lento per circa 2 ore: se dovesse asciugarsi troppo aggiungete un altro po' di latte.

Conservazione

Potete conservare le pappardelle al ragù di cinghiale in frigo per 2 giorni al massimo, all'interno di un contenitore ermetico.