ingredienti
  • Gin 6 cl • 263 kcal
  • Vermut 1 cl • 133 kcal
  • Scorza di limone 1 • 750 kcal
  • Ghiaccio q.b.
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il Martini cocktail, conosciuto anche come Dry Martini o semplicemente come Martini, è un drink a base di gin e vermut dry tra i più famosi e apprezzati. Ha un gusto asciutto e forte ed è molto alcolico, 29,8°. Perfetto come aperitivo, ma non per tutti i palati. Resta però uno dei cocktail più richiesti, anche grazie alle diverse varianti, che si possono ottenere modificando le dosi di gin. Si narra che ad inventarlo sia stato un barista italiano a New York, tale Mr. Martini, che lo preparò per J.D. Rockfeller nel 1910. Ecco quali sono le dosi e la ricetta passo passo per preparare un perfetto Martini cocktail.

Come preparare il Martini cocktail

Mettete dei cubetti di ghiaccio in una coppetta, così da raffreddarla. Riempite il mixing glass, il bicchiere di vetro utilizzato per la preparazione dei cocktail, con il ghiaccio. Versate prima il vermut e poi il gin e rimescolate. Togliete il ghiaccio dalla coppetta e versate il drink, filtrandolo con lo strainer. Strizzate la scorza di limone sul cocktail e servite. Accompagnate con olive in salamoia a parte, se preferite. Il vostro Martini cocktail è pronto per essere servito.

Consigli

Anche se siamo abituati a vedere la coppa di Martini con le olive, in realtà sarebbe meglio servirle a parte. Se preferite però, potete aggiungere quelle denocciolate.

Per la preparazione del Martini cocktail non utilizzate lo shaker, in quanto il ghiaccio allungherebbe il vostro cocktail abbassando il grado alcolico e modificandone il sapore. Utilizzate quindi il mixing glass, nel quale vengono solitamente miscelati ingredienti delicati come il vermut, il marsala o lo sherry. Il tutto viene poi mescolato con un cucchiao da bar.

Per ottenere un perfetto Martini è importante anche utilizzare gin e vermut di ottima qualità.

Il Martini cocktail è un drink pre-dinner che si abbina alla perfezione con la pasta, il pesce e le pietanze affumicate.

Varianti

A partire dalla ricetta base del Martini potete variare le dosi di gin per trovare il grado di dolcezza che preferite. Aumentandone le dosi otterrete un Extra Dry Martini. Una versione molto secca è quella del Martini Hemingway, che prende il nome proprio dal famoso scrittore statunitense, realizzato con 9 parti di gin. Lo Sweet Martini, invece, è una versione più dolce, preparato con gin e vermut rosso e servito con una ciliegia al maraschino.