ingredienti
  • Prugne 1 kg
  • Zucchero 500 g • 79 kcal
  • Limone 1 limone • 15 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La marmellata fatta in casa è la modalità migliore per poter conservare la frutta di stagione in barattolo con pochi ingredienti e, se necessario, senza la pectina. Riducendosi l'acqua e diluendosi lo zucchero, la marmellata si addensa e crea una confettura a cui andrebbe aggiunto il succo di limone se utilizzate dei frutti che non hanno una percentuale di acidità alta.

Come si sceglie la frutta per la marmellata

La frutta deve essere necessariamente di stagione perché, come in questo caso, si utilizza anche la buccia che funge da pectina naturale. In estate, ad esempio, frutti come le prugne, le pesche o le albicocche sono perfetti per fare una confettura. Se i frutti sono ammaccati o presentano imperfezioni, non scartateli ma, anzi, utilizzateli tranquillamente.

Come si prepara la confettura fatta in casa

Lavate sotto acqua corrente le prugne (1). Riponete la frutta in un tagliere e asciugatela con un panno asciutto (2). Tagliatele eliminando il nocciolo (3).

Mettete in una ciotola (4) e bagnate la superficie con il succo di un limone (5). Trasferite in un pentolino e aggiungete lo zucchero (6).

Sterilizzate i vasetti mentre fate cuocere a fuoco lento, per un paio di ore, la marmellata mescolando di tanto in tanto (7). Trascorso il tempo necessario, fate la prova del cucchiaino per capire se è pronta (8). Travasate dentro i vasetti, chiudendoli ermeticamente e capovolgendoli subito (9). Servite la marmellata di prugne su fette di pane o fette biscottate.

Consigli

Come si fa la prova del cucchiaino? Prelevate un po’ di marmellata dal tegame col cucchiaio, mettete in un piatto e poi capovolgetelo. Se questa scivola rapidamente ha bisogno ancora di cottura.

Altro passaggio importante è la sterilizzazione dei contenitori per igienizzarli prima dell’uso. Per farlo dovrete rimuovere il tappo e riporre i barattoli in una pentola piena d’acqua. Fate bollire 20 minuti circa insieme ai tappi. In alternativa potete sfruttare il microonde (ricordatevi di mettere all'interno solo il vetro) o il forno classico.

Conservazione

Per quanto riguarda la conservazione, la marmellata una volta aperta dovrà essere tenuta in frigo e consumata entro dieci giorni massimo. Inoltre i vasetti andranno conservati in un locale buio (la credenza andrà benissimo) per non oltre un anno.