ingredienti
  • Cachi 1 kg • 60 kcal
  • Zucchero 160 • 600 kcal
  • Mela 1 • 43 kcal
  • Estratto di vaniglia 3 cucchiaini • 750 kcal
  • Succo di limone 1 • 29 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La marmellata di cachi è una conserva da preparare in autunno e che si ricava dalla polpa morbida e dolce di questi frutti dal colore arancione e dal sapore unico. Una confettura semplice da preparare a casa e ottima da spalmare sul pane o sulle fette biscottate, ma anche per farcire crostate, torte, o da accompagnare a formaggi stagionati. Per la preparazione scegliete cachi maturi, che sono anche i più dolci, così da utilizzare meno zucchero. L'aggiunta della mela servirà a donare maggiore consistenza alla confettura di cachi, in quanto contiene pectina, un gelificante naturale. Il succo di limone e la vaniglia conferiranno invece un sapore più intenso e gradevole. Ma ecco come prepararla a casa.

Come preparare la marmellata di cachi

La prima cosa da fare è procedere con la sterilizzazione dei vasetti di vetro che utilizzarete per la confettura. Ora prendete i vostri cachi maturi (1), lavateli sotto acqua corrente, asciugateli con un canovaccio pulito e privateli del picciolo (2). Poi sbucciateli completamente aiutandovi con un coltellino (3).

Mettete la polpa dei cachi ottenuta in una pentola (4). Eliminate però i filamenti centrali del cachi, altrimenti rischiate che la confettura leghi leggermente la bocca. Sbucciate una mela (5) e tagliatela a dadini (6). La mela è piacevole al gusto ma prima di tutto svolge la funzione di addensante naturale.

Aggiungete la mela tagliata a dadini alla polpa di cachi nella pentola (7) e unite 3 cucchiai di estratto di vaniglia, oppure utilizzate i semini interni di una bacca. Ora spremete il limone (8) ed aggiungetelo ai cachi e alla mela. Unite lo zucchero (9) alla marmellata e lasciate andare a fuoco dolce mescolando fino a che la confettura non raggiunge la consistenza desiderata. Mettetela poi nei barattoli ben calda lasciando 1 cm dal bordo. Avvitate e lasciate raffreddare: il calore creerà il sottovuoto. Per verificare se il sottovuoto si è creato correttamente, premete al centro del tappo: se non sentirete il clik-clak, allora è avvenuto. Se invece utilizzate barattoli con guarnizioni di gomma, quando consumate la confettura fate la prova tirando la linguetta: se il rumore che produce è secco, allora si è creato il sottovuoto, in caso contrario, meglio non consumare la confettura. La vostra marmellata di cachi sarà pronta per essere gustata dopo aver riposato per almeno 3 settimane in luogo asciutto e al riparo dalla luce.

Consigli

Quando scegliete i cachi per la preparazione della confettura preferite quelli maturi, ma fate attenzione che non siano mollicci e che siano privi di spaccature.

Scegliete vasetti piccoli per la vostra marmellata di cachi, così da consumarla in breve tempo, una volta aperta.

Per eliminare l'aspro dalla marmellata dei cachi potete aggiungere un po' di grand marnier durante la preparazione.

Se la marmellata dovesse apparire troppo liquida, aggiungete dell'addensante.

Come conservare la marmellata di cachi

I vasetti di marmellata, così preparati, potranno essere conservati per un periodo che va dai 3 agli 8 mesi. La durata dipende dalla quantità di zucchero: meno ne avete utilizzato e minore sarà il tempo di conservazione. Una volta aperto il barattolo conservatelo in frigo per 4 giorni al massimo.

Se non volete conservare la marmellata di cachi potete comunque invasarla, senza capovolgere il barattolo di confettura, ma vi durerà per circa 4/5 giorni.