ingredienti
  • Carne di manzo (cappello di prete) 600 gr
  • Acciughe dissalate 4-5
  • Capperi 1 cucchiaio • 25 kcal
  • Cipolla 1 • 26 kcal
  • Aglio 2 spicchi • 79 kcal
  • Prezzemolo 1 mazzo • 79 kcal
  • Carota 1
  • Vino bianco 1/ 2bicchiere • 79 kcal
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 79 kcal
  • Pangrattato 40 gr • 351 kcal
  • Sale q.b. • 79 kcal
  • Parmigiano grattugiato 40 gr • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il manzo all'olio è un secondo piatto tipico della cucina bresciana, in particolare della zona di Rovato. Si tratta di una pietanza semplice e molto antica, tipica della cucina povera. Per la preparazione di questa ricetta il manzo viene prima rosolato e insaporito con aglio, cipolla, prezzemolo, sedano, carote e acciughe, e poi cotto in abbondante olio e acqua. La cottura ammorbidisce molto la carne che diventa tenera e saporita: il sugo servirà poi da base per nappare la carne prima di portarla in tavola. Per la buona riuscita di questa ricetta è importante utilizzare ingredienti di ottima qualità: dalla carne fino alla scelta dell'olio. Preparerete così un ottimo secondo piatto da servire ai vostri ospiti.

Storia e origini

Il manzo all'olio è una ricetta molto antica, i primi documenti che la citano risalgono infatti al XVI secolo, ed è realizzata con tre ingredienti base: carne di manzo, in particolare cappello di prete, olio extravergine d'oliva e acciughe. A questi ingredienti si aggiungono aglio, prezzemolo, cipolla e pane grattugiato. Si tratta di una pietanza simbolo della città di Brescia, tipica delle feste, che viene spesso accompagnata da polenta o patate. Non ne esiste un'unica ricetta, in quanto solitamente viene tramandata all'interno della famiglia o dell'osteria che ne vantava la preparazione.

Come preparare il manzo all'olio

Realizzate un trito con la cipolla, l'aglio, metà prezzemolo, le acciughe, i capperi e una carota piccola. Lavate il pezzo di carne e asciugatelo con carta assorbente e sistematelo nella pentola con gli odori e un cucchiaio di olio. Lasciate rosolare per circa 5 minuti, così da dorare la carne su tutti i lati. Sfumate con il vino bianco e aggiungete poi la stessa quantità di olio e di acqua, fino a coprire completamente la carne, salate un poco, in quanto le acciughe doneranno già sapidità al piatto, e portate a bollore. Tenete la fiamma media e cuocete per circa 2 ore rigirandola a metà cottura. Non appena il liquido si sarà ridotto della metà togliete la carne dalla pentola e lasciatela reffreddare. Filtrete il fondo di cottura e restringetelo aggiungendo pangrattato, prezzemolo tritato e parmigiano grattugiato: mescolate fino ad ottenere un salsina densa. Tagliate la carne a fette spesse, adagiatele su un piatto e ricopritele di salsa. Riscaldate in forno per pochi secondi prima di servire. Il vostro manzo all'olio è pronto per essere servito.

Consigli

per quanto riguarda la carne, scegliete il taglio chiamato cappello di prete e preferite un olio extravergine d'oliva di ottima qualità. Rosolate poi la carne con attenzione, così da creare lo shock termico.

Per rendere la carne ancora più saporita, praticate dei tagli sul pezzo di carne crudo, incidendolo profondamente, e inserite all'interno dei tagli le acciughe dissalate e l'aglio. Infarinate il pezzo di carne e rosolatelo in pentola con 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva. Unite poi il trito di prezzemolo, aglio, cipolla e carota e procedete come da ricetta.

Per gustare un manzo all'olio ancora più saporito, preparatelo il giorno prima, così si insaporirà al meglio nella sua salsa.

Se utilizzate le acciughe salate, aggiungete agli ingredienti anche un cucchiaino di miele, che favorirà la caramellizzazione e ne bilancerà la sapidità.

Accompagnate il manzo all'olio con un contorno di squisite patate al forno, oppure con dell'ottima polenta, altro contorno ideale da affinacare a questa pietanza.

Conservazione

Potete conservare il manzo all'olio per 1-2 giorni  in frigo, all'interno di un contenitore ermetico. Riscaldatelo in forno prima di servirlo.