ingredienti
  • Bacche di mirto 600 gr
  • Alcol puro a 90° 1 litro
  • Zucchero 600 gr • 750 kcal
  • Acqua 1 litro • 750 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il liquore di mirto è un liquore tradizionale tipico della Sardegna ottenuto dalle bacche e, in alcuni casi, anche dalle foglie della pianta di mirto: un ottimo digestivo da gustare dopo pranzo, ma anche come aperitivo. Per la preparazione si utilizzano le bacche di mirto mature lasciate a macerare nell'alcol a 90° per 40 giorni. Saranno poi filtrate e, l'alcol aromatizzato con le bacche, sarà aggiunto a uno sciroppo di acqua e zucchero e imbottigliato. Il liquore di mirto, con il suo classico colore blu violaceo, potrà essere gustato dopo aver riposato per 1-2 mesi. Una volta pronto gustatelo ghiacciato.

Come preparare il liquore di mirto

Lavate le bacche di mirto e asciugatele bene, mettetele poi in una recipiente o in una bottiglia con chiusura ermetica(1): dovrà essere abbastanza grande da contenere l'alcool e le bacche. Coprite interamente le bacche con l'alcool, chiudete e lasciate riposare per 40 giorni in un luogo fresco e al riparo dalla luce, agitandole di tanto in tanto. Trascorso il tempo necessario, filtrate l'alcool dalle bacche e da eventuali residui, strizzando le bacche di mirto con un canovaccio oppure con della stamina, un tessuto ad armatura tela utilizzato spesso in cucina come filtro o colino. Preparate ora lo sciroppo: fate bollire in un pentolino l'acqua, nella quale dovrà essere sciolto lo zucchero.(2) Una volta pronto, fate raffreddare lo sciroppo e unitelo all'acool aromatizzato. Filtrate e imbottigliate. Fate riposare per 2 mesi in luogo fresco e buio, prima di consumarlo.(3)

Consigli

Per ottenere un liquore di mirto non troppo dolce, diminuite la quantità di zucchero di 100 gr. La dose di zucchero dipende comunque dal grado di maturazione del mirto: più è maturo e minore sarà la quantità di zucchero utilizzata.

In alternativa allo zucchero potete utilizzare il miele, nelle stesse quantità. In Sardegna si utilizza solitamente quello di corbezzolo, ma andrà benissimo anche il miele d'acacia, dal sapore più neutro.

Oltre alle quantità di zucchero potete variare anche la quantità di acqua, così da rendere il liquore di mirto più adatto ai vostri gusti personali. Ricordate però che, per 1 litro di essenza, con alcol a 90°, unito a 1 litro di sciroppo, si otterrà una gradazione di 45° circa. Aumentando la quantità di sciroppo si otterrà una gradazione minore.

Per la preparazione del liquore al mirto preferite le bacche fresche, al posto di quelle essiccate: le trovate da novembre a gennaio.

Se notate variazioni di colore, di odore oppure se compaiono sostanze sulla superficie del liquore, non consumatelo.