ingredienti
  • Lievito di birra fresco 15 gr
  • Acqua tiepida 280 ml
  • Sale 8 gr • 79 kcal
  • Malto d’orzo o miele 1 cucchiaino
  • Farina 00 500 gr • 79 kcal
  • Olio extravergine d’oliva 50 gr • 79 kcal
  • Farina di semola q.b.
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I grissini sono i famosissimi filoncini di pasta di pane friabili e dalla forma allungata tipici di Torino. Li troviamo spesso al ristorante insieme al pane e sono sempre pronti per essere sgranocchiati in ogni momento, sia da soli, per accompagnare i pasti, che abbinati a salumi o formaggi. Il nome "grissini" deriva dalla parola "gherssa", tipico pane preparato in piemonte dalla forma allungata, simile alla baguette francese.Nella nostra ricetta realizzaremo la preparazione base dei grissini utilizzando solo acqua, farina, lievito di birra, malto d'orzo, olio extravergine d'oliva e sale, per realizzarli friabili e croccanti. Chi preferisce potrà però rendere l'impasto più gustoso con l'aggiunta di erbe aromatiche, come il rosmarino, oppure con semi di sesamo, di papavero, ma anche noci o gli ingredienti che preferite.

Storia e origini dei grissini

Si narra che i grissini siano nati a Torino nella prima metà del 1600 ad opera di Antonio Brunero, famoso fornaio, che inventò questo pane secco per il piccolo duca Amedeo di Savoia, che non riusciva a digerire la mollica del pane. Realizzò quindi questo pane croccante dalla forma allungata, molto più digeribile rispetto al pane tradizionale.  Inizialmente i grissini furono consumati solo dai nobili, ma presto si diffusero presso tutta la popolazione. Si dice che Napoleone ne fosse così ghiotto che istituì un servizio postale apposito per farseli arrivare da Torino.

I primi grissini erano molto più rustici: lunghi circa 60 cm, irregolari e nodosi. In seguito vennero fatti "stirati", la pasta veniva allungata tenendola per le estremità, ma senza arrotolarla. Si tratta di una lavorazione che li rende più friabili rispetto a quelli ritorti.

Come preparare i grissini

Sciogliete il lievito di birra e il malto in poca acqua tiepida. In un contenitore a parte versate il resto dell'acqua tiepida e scioglietevi il sale. Aggiungete il composto di lievito e malto alla farina setacciata posta in un recipiente o all'interno di una planetaria, cominciate ad impastare e aggiungete a filo anche l'olio mescolato con l'acqua salata. Impastate fino ad ottenere un composto elastico. Trasferitelo su una spianatoia con la farina di semola. Date all'impasto la forma di un quadrato, spennellatelo con olio d'oliva, spolverizzate con la farina di grano duro e lasciate lievitare per almeno 2 ore o fino a quando non avrà raddoppiato il suo volume. Con l'aiuto di un coltello tagliate l'impasto dal lato corto ottenendo delle strisce di circa 1 cm. Allungate ogni striscia con le due mani dalle estremità: tirate fino a raggiungere la lunghezza della teglia che utilizzerete per la cottura. Sistemate i grissini sulla teglia rivestita con carta forno ben distanziati gli uni dagli altri e cuocete in forno già caldo a 200°C per una ventina di minuti o fino a doratura. Una volta pronti lasciateli raffreddare. I vostri grissini sono pronti per essere gustati.

Consigli

Se i vostri grissini risulteranno irregolari non preoccupatevi, è proprio questa la loro particolarità.

Chi preferisce potrà sostituire il malto d'orzo con la stessa quantità di miele o di zucchero.

Per la buona riuscita della ricetta maneggiate poco l'impasto: non appena la pasta non appiccicherà più, allora sarà pronta per essere messa a riposare.

Prima di infornare i grissini potete spennellarli con un po' di olio extravergine d'oliva: saranno ancora più invitanti. Inoltre potete spolverizzarli con dei semi di sesamo o di papavero.

Se volete rendere i vostri grissini speziati, potete inserire i semi o le erbe aromatiche che preferite direttamente nell'impasto. Dividete l'impasto in rettangoli per quanti sono i gusti che volete aggiungere, e impastate velocemente inserendo i semi. Lasciate lievitare e proseguite come da ricetta.

Conservazione

Potete conservare i grissini all'interno di un sacchetto di carta per 2-3 giorni. Il giorno dopo la preparazione potete renderli di nuovo friabili e fragranti passandoli nel forno caldo per pochi minuti.