ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il coniglio alla cacciatora è un secondo piatto tipico italiano. Le origini di questa ricetta sono toscane e prevede la cottura in bianco del coniglio con olive verdi ma oggi questa preparazione appartiene al patrimonio culinario italiano.

Il nome alla cacciatora viene associato ai piatti di carne cucinati in umido con un trito di verdure e sfumati con il vino. Questa tipologia di piatto, composto da pochi e semplici ingredienti facili da reperire, un tempo veniva preparato nelle dimore contadine e nelle locande. Come già fatto per la ricetta del pollo alla cacciatora ecco tutti i procedimenti per preparare un succulento piatto di coniglio alla cacciatora.

Coniglio alla cacciatora: preparazione.

Per preparare il coniglio alla cacciatora lavate con acqua corrente sedano, carote e cipolle, tagliateli ed inseriteli in una padella già su fuoco con olio e uno spicchio d'aglio (1). Fate cuocere per qualche minuto il tutto ed inserite il coniglio a pezzi e il timo (2). Prima di mettere il coniglio in padella, ricordate di lavarlo e di lasciarlo per un'ora in umido a marinare con aceto di vino e un bicchiere d'acqua in modo da ammorbidire le carni. Aggiungete il vino bianco e lasciate sfumare (3).

Lasciate cuocere per 25 minuti e negli ultimi 5 chiudete con un coperchio, ricordandovi di girare il coniglio di tanto in tanto in modo da amalgamarlo bene con gli altri ingredienti (4). Adesso aggiungete i pomodori e il sale e cuocete per altri 15 minuti (5). Spegnete il fuoco, impiattate (6) e servite il piatto ben caldo aggiungendoci sopra erbe aromatiche a piacere.

Il coniglio alla cacciatora si può fare anche al forno facendo marinare i pezzi di coniglio in una terrina insieme a olio, sale, vino bianco, rosmarino e salvia. Versate, poi, tutto in una teglia da forno già unta con olio d'oliva e versateci altro vino, poi infornate a 180 gradi per circa 40 minuti. Girate spesso la carne, in modo che rosoli all’esterno e si cucini bene all’interno.

Per una cottura più veloce, infine, potrete fare il coniglio alla cacciatora in pentola a pressione: in soli 20 minuti il vostro piatto sarà pronto. Tritate la cipolla, la carota, il sedano e l’aglio. Fateli rosolare in un tegame di questo tipo con un po’ d’olio. Aggiungete il coniglio, sfumate col vino bianco e unite la passata di pomodoro. Chiudete con il coperchio e continuate la cottura per circa 18 minuti dal fischio della pentola a pressione.

Cottura.

Il coniglio alla cacciatora va cotto in padella per 45/50 minuti circa. Oltre alla cottura in umido potete utilizzare la pentola a pressione – dimezzando i tempi – o provando a fare un gustosissimo coniglio al forno con patate ad una temperatura di 180°C per 40 minuti.

Conservazione.

Il coniglio alla cacciatora si conserva in frigo per un giorno inserendolo in un apposito contenitore adatto alla conservazione. Per realizzare un coniglio light dosate bene il sale e l'olio: le cotture in umido sono tra le più leggere e, trattandosi di carne bianca, il piatto è adatto anche nel menù di tantissime diete. Cucinandolo in anticipo di qualche ora, si può  riscaldare prima di servirlo in tavola.

Che vino abbinare al coniglio alla cacciatora.

Il coniglio alla cacciatora è un piatto molto saporito, per questa ragione si può abbinare ad un vino rosso giovane, fruttato e morbido come il Morellino di Scansano o il Colli Piacentini Gutturnio.