Lo zenzero o ginger, è un rizoma ricco di proprietà per il nostro organismo, ideale anche nelle diete detox e dimagranti, in quanto aiuta a perdere peso velocemente. Si tratta di una pianta erbacea perenne originaria dell'Oriente, ha una forma allungata con sporgenze irregolari. La parte commestibile dello zenzero è proprio il rizoma, comunemente chiamato anche radice. La sua buccia è molto sottile, mentre la polpa è soda e dal colore bianco o giallino. Lo zenzero è molto usato nella cucina orientale e può essere utilizzato in tante ricette: dai primi piatti ai dolci e per la preparazione di una benefica e salutare tisana. Ma scopriamo di più su come usare lo zenzero in cucina, così da utilizzarlo nelle nostre ricette per donare un tocco in più alle pietanze.

In quanti modi possiamo trovare lo zenzero

Lo zenzero può essere consumato fresco o essiccato. La radice fresca va sbucciata e utilizzata a pezzi, oppure grattugiata e può essere conservata in frigo fino a 30 giorni, avvolta in un panno e messa all'interno di un sacchetto di plastica. Lo zenzero essicato, invece, si consuma in polvere e ha un sapore più piccante rispetto alla radice fresca. È la versione più utilizzata e più facile da conservare: vi basterà tenerelo in dispensa a riparo dalla luce e dall'umidità. In commercio è possibile trovare anche lo zenzero candito, in salamoia e le tisane.

Benefici dello zenzero

Lo zenzero è una spezia dalle tante proprietà benefiche e curative utilizzato soprattutto come tonico e digestivo. Inoltre è un antiossidante naturale e svolge un'azione antinfiammatoria, oltre a migliorare la digestione. Masticare la sua radice, o bere la tisana allo zenzero, risulta molto efficace come rimedio contro la nausea, ed è un ottimo rimedio contro la diarrea e l'accumulo di gas nell'intestino. Le sue proprietà antisettiche lo rendono utile anche n caso di febbre, mal di testa, dolori articolari e muscolari. Il gingerolo contenuto nello zenzero, inoltre, aiuta a liberare il corpo dalle tossine, soprattutto durante i cambi di stagione e facilita il processo di termogenesi, aiutando l'organismo a bruciare i grassi, favorendo la perdita di peso.

Come utilizzarlo in cucina

Lo zenzero è una spezia dal sapore piccante e dall'aroma intenso, utilizzata in cucina per insaporire primi piatti, secondi di carne e di pesce e dolci. Inoltre è uno dei componenti del curry, una miscela di spezie dal colore giallo e molto profumata. Lo zenzero fresco può essere utilizzato grattugiato per condire tutte le verdure, sia crude che cotte, ideale anche nelle insalate, donando un sapore limonato e fresco molto gradevole, ma è l'ideale anche pollo, pesce e crostacei. Se amate le pietanze esotiche, utilizzate lo zenzero per insaporire gli spaghetti di soia o il riso basmati. Ma come grattugiarlo in modo corretto? Per facilitare l'operazione è importante utilizzare una grattugia apposita, in quanto la radice di zenzero è molto fibrosa: dovrà avere una dentellatura molto sottile e larga, grattugiandola in direzione opposta alla grana.

Lo zenzero secco, in polvere è molto comodo da utilizzare e può essere aggiunto nelle zuppe, nelle salse e nelle vellutate per insaporirle. Può essere utilizzato anche per le cotture in forno, soprattutto di verdure. Nella preparazione dei dolci, invece, è più pratico di quello fresco: basterà aggiungerlo alla farina per donare un sapore speziato alle vostre preparazioni.

4 ricette con lo zenzero

Tra i primi piatti potete preparare una gustosa minestra di zucca e zenzero, aromatica, cremosa e leggermente piccante, ideale da preparare in autunno. Per realizzarla, vi basterà cuocere la zucca in un tegame con lo scalogno e il brodo vegetale, aggiungere i ceci cotti, lo zenzero fresco grattugiato e frullare il tutto.

Un secondo piatto facile e sfizioso è il pollo allo zenzero: per prepararlo tagliate a straccetti o a bocconcini il petto di pollo e cuocetelo in padella con la cipolla e lo zenzero rosolati in padella. Realizzate una salsa agrodolce, tipica orientale, con aceto di mele, salsa di soia, ed un cucchiaio di amido di mais, che rende il pollo morbido e succoso.

Per insaporire le pietanze, potete invece preparare la salsa allo zenzero una preparazione sfiziosa dal sapore orientale, ideale per insaporire pietanze di pesce o di carne, soprattutto quelle meno saporite, come i bolliti o le carni bianche. Inoltre è ideale da servire anche come contorno. La salsa allo zenzero regalerà un tocco esotico e speziato ai vostri piatti, rendendoli più appetitosi.

Tra i dolci sono molto apprezzati i biscotti allo zenzero: frollini croccanti dal profumo irresistibile, ideali per la colazione o per una merenda particolare, da accompagnare a una buona tazza di tè, oppure da inzuppare nel latte per la colazione. Biscotti gustosi e aromatici che doneranno un sapore nuovo alle vostr pause golose.

Quando è meglio non consumarlo

Lo zenzero deve essere consumato con moderazione, soprattutto se si soffre di ipertensione, perché potrebbe causare sbalzi di pressione. Anche se ottimo contro le nausee, è meglio consultare il medico prima di assumere lo zenzero in gravidanza: lo stesso vale per la fase di allattamento. Un consumo eccessivo di zenzero potrebbe inoltre provocare ulcere, gastrite e gonfiore intestinale. Lo zenzero è da evitare in caso di allergia o intolleranza a questa radice: potrebbe provocare eruzioni cutanee e rossori sulla pelle.