Il fico d'india è una pianta originaria del Messico e diffusasi nei secoli in tutte le zone del Mediterraneo e nei climi più miti americani e africani. I fichi d'india sono frutti dalla polpa carnosa e succosa che può essere – a seconda della varietà – rossa, gialla oppure bianca, un frutto ricco di vitamina C, potassio e magnesio. L'inconfondibile sapore dolciastro li rendono un frutto molto amato anche se forse poco utilizzato in cucina. Il fico d'india, inoltre, è ricco di vitamine ed è anche un ottimo alleato per chi desidera perdere peso o mantenere una forma impeccabile. Raccontato così sembrerebbe un frutto magico ma anche il fico d'india ha qualche difetto: uno fra tutti? Le spine! Pulirlo e sbucciarlo lasciando la polpa intatta non è semplicissimo ma con i nostri consigli imparerete a farlo in pochi minuti e senza pungervi!

Come pulire e sbucciare i fichi d'india

Primo step: togliere le spine

Se acquistate i fichi d'india al supermercato non avrete bisogno di eliminare le spine anche se vi consigliamo di controllare che qualcuna non sia rimasta attaccata alla buccia. Se invece avete la fortuna di poter cogliere i fichi d'india direttamente dalla pianta e non avete a disposizione il raccoglitore apposito, non preoccupatevi: munitevi di un paio di guanti da lavoro abbastanza robusti così da non pungervi mentre li staccate dai rami. Una volta colti, sistemate i fichi d'india in una bacinella con acqua tiepida e lasciateli in ammollo per 40/50 minuti: in questo modo le spine sulla buccia si ammorbidiranno e sarà semplice eliminarle con le mani.

Secondo step: incidere ed eliminare la buccia

Una volta eliminate le spine dal fico d'india, potete procedere nell'operazione più delicata: sbucciarlo! Per prima cosa indossate dei guanti in lattice quindi sistemate il ficodindia su un piano e con un coltello ben affilato eliminate la base e l'estremità superiore. A questo punto dovrete bloccare il fico d'india infilzandolo con una forchetta su uno dei due lati, senza arrivare alla polpa ma restando lungo la buccia. Con un coltello affilato incidete la buccia nel senso della lunghezza e con la punta staccate la sezione della buccia opposta al lato in cui avete ben ferma la forchetta. Fate rotolare il ficodindia e man mano tirate via la buccia che resterà intatta. Il fico d'india è pronto per essere gustato: la sua polpa può essere servita semplicemente tagliata in pezzettoni o utilizzata per preparare sfiziosi aperitivi o, perché no, sfiziosi risotti dal gusto agrodolce.