Il melone è un frutto estivo succoso e profumato ricco di acqua, sali minerali e vitamine, ma povero di calorie: l'ideale da consumare come spuntino, per rigenerarsi nelle giornate calde o a fine pasto. Il melone è ottimo anche per la preparazione di antipasti, gelati e dolci freschi e golosi. Prima di consumarlo, però, è importante sapere come conservare il melone, ma anche come sceglierlo nel modo giusto, per godere al meglio di questo frutto davvero squisito e dissetante.

Come scegliere il melone migliore

Quando acquistate il melone, sceglietelo sempre di stagione: esistono infatti varietà estive e invernali. Tra quelle estive scegliete il melone Retato, con la buccia a reticolo e dal sapore dolce; il Cantalupo, molto dolce e profumato e il Galia che ha invece la buccia arancione chiaro e la polpa bianca. Tra i meloni invernali ci sono invece il melone giallo e il melone verde. Riguardo alla scelta al momento dell'acquisto, controllate la consistenza e il profumo: battete la buccia con la mano e, se avvertite un suono sordo, allora il frutto è maturo al punto giusto, se rimbomba, è ancora acerbo. Il profumo poi non deve essere troppo intenso, altrimenti vuol dire che il melone è troppo maturo.

Melone intero: conservare in luogo fresco o in frigo in base al consumo

Il melone appena acquistato può essere conservato intero in luogo fresco o in frigo, in base alle esigenze di consumo. Se dovete consumarlo in giornata o, al massimo, il giorno seguente, potete conservarlo in dispensa o comunque in un luogo fresco e asciutto: meglio evitare balconi e terrazze. Se invece è ancora acerbo, mettetelo nel cestino della frutta, così da farlo maturare in fretta.

In alternativa potete conservarlo in frigo: avvolgetelo nella pellicola trasparente, sigillatelo in un sacchetto frigo e mettetelo nel cassetto della frutta. In questo modo non si propagheranno cattivi odori: consumatelo comunque entro una settimana a non meno di 5°C. Tiratelo fuori dal frigo almeno mezz'ora prima di gustarlo.

Melone tagliato: come conservarlo in frigo senza cattivi odori

Una volta tagliato il melone va sempre conservato in frigorifero. Se lo avete tagliato a metà avvolgetelo nella pellicola e sistematelo nel frigo: in questo modo maturerà più lentamente e non si diffonderanno cattivi odori. Mettetelo lontano dalla pareti del frigorifero, per evitare che si geli. Se invece lo avete tagliato a fette o a cubetti, mettetelo in un contenitore ermetico di vetro e consumatelo entro un paio di giorni: ideale per una merenda sana e veloce.

Melone congelato in cubetti per gli aperitivi

Potete anche congelare il melone già aperto: scavate nella polpa con l'apposito strumento e formate delle palline. Congelatele negli stampi del ghiaccio con un po' di acqua e qualche fogliolina di menta, e utilizzatelo per i vostri aperitivi. Una volta congelato potrete conservarlo per tutta l'estate.

Come servire il melone: 3 semplici ricette

Vediamo ora tre semplici preparazioni con il melone, per gustarlo al meglio. Il classico degli antipasti è prosciutto e melone, una pietanza veloce e gustosa, ottima anche da gustare in spiaggia, ma che potete presentare anche come stuzzichino, tagliandolo a cubetti per un aperitivo,o come spiedino, alternando melone e prosciutto, per una presentazione più scenografica.

Se volete realizzare un dessert fresco per i vostri pranzi estivi, potete invece preparare il sorbetto al melone, una ricetta facile e veloce, senza gelatiera, preparata solo con melone, zucchero e acqua. Potrete gustarlo anche come dissetante merenda estiva

Un dolce estivo fresco e irresistibile è la cheesecake al melone, un dolce cremoso e facilissimo da preparare, senza forno. Vi basterà realizzare la base con biscotti secchi tritati e burro fuso, e preparare la farcitura con yogurt, panna montata, zucchero a velo e melone frullato e a pezzetti. Una volta pronta dovrà rassodare in frigo per alcune ore, prima di essere servita.