ingredienti
  • Cicoria 1,3 kg • 12 kcal
  • Uvetta 30 gr • 317 kcal
  • Mandorle 25 gr a lamelle • 575 kcal
  • Acciughe 12 sott'olio • 204 kcal
  • Olio extravergine di oliva abbondante • 79 kcal
  • Peperoncino q.b.
  • Aglio uno spicchio • 79 kcal
  • Sale marino q.b. • 750 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

In cucina la cicoria con uvetta riscuote grande successo tra gli amanti del mangiare godereccio. Tra tutte le possibili varianti di preparazione quella che la vede ripassata in padella annovera numerosi fan che la cucinano e la mangiano con gusto. Il non plus ultra sarebbe prepararla usando la cicoria di campo, quella cosiddetta selvatica, che cresce spontanea nei prati lungo tutta la penisola, più saporita della varietà coltivata ma anche più difficile da reperire, a meno che – prima di iniziare a cucinare – non vi facciate un bel giro per campi muniti di busta per raccoglierla e coltello per carpirne le foglie.
La ricetta più comune prevede di lessare la verdura in acqua bollente salata e poi ripassarla in padella con olio, aglio e peperoncino. La variante che vi propongo oggi, invece, ha un plus che la rende, se possibile, ancora più gustosa: trattasi dell'aggiunta, nel momento di ripassarla in padella con abbondante (ripeto, abbondante) olio evo, di acciughe sott'olio e uvetta. In ultimo, come tocco croccante che tanto dà alla ricetta, una bella manciata di mandorle tagliate a lamelle.
Così condita è un contorno ideale per carni alla brace, pollo arrosto o maiale in porchetta. Mentre l'acciuga e il peperoncino danno il tocco piccante e sapido, l'uva passa regala una nota dolce al piatto e la mandorla, che resta croccante perchè aggiunta a fine cottura, lo completa meravigliosamente. Provare per credere.

Come si fa la cicoria ripassata con uvetta, acciughe e mandorle

Per cucinare la cicoria ripassata con uvetta, acciughe e mandorle, vi consiglio vivamente di partire dalla cicoria fresca e di non farvi tentare dall'utilizzo di cicoria surgelata. Sicuramente la ricetta diviene più laboriosa ma il risultato finale premierà i vostri sforzi in quanto usare la cicoria fresca, appena lessata e così ripassata, ha un gusto che non ha eguali se paragonata alla sua gemella surgelata.

Come prima cosa mettete in ammollo l'uva passa in abbondante acqua tiepida, questo servirà per reidratarla e ammorbidirla.

Occupatevi poi della cicoria, tagliate la parte finale delle foglie così come indicato in foto

tagliatela poi in tre parti, ottenendo dei pezzi di circa 8/10 cm di lunghezza che sarà più agevole mangiare una volta ripassati

lavatela bene, e fatela lessare in acqua bollente salata per circa 7/8 minuti o comunque fin quando la parte centrale della foglia, più dura, sarà diventata tenera.

Dopo averla cotta scolatela ed eliminate, pressandola con un cucchiaio o un piattino, l'acqua in eccesso. Questa fase è molto importante per la riuscita del piatto, se la cicoria non perde l'acqua che ha assorbito nella fase di bollitura resterà troppo umida e, di certo, i pochi minuti di ripasso in padella non basteranno ad asciugarla, rischiereste quindi di trovarvi una pessima cicoria ripassata e… acquosa.

Sistemata la questione cicoria occupatevi delle acciughe. Sgocciolatele e tagliatele a pezzetti

Intanto prendete l'aglio e, senza togliergli la "camicia" (il rivestimento esterno, come da foto) schiacciatelo leggermente fino a romperlo,

mettetelo in padella con abbondante olio evo e peperoncino. Anche se, solitamente, la cicoria ripassata prevede grandi quantità di peperoncino, in questo caso vi consiglio vivamente di non usarne troppo, per non rischiare di coprire gli altri sapori. Anche l'aglio intero, leggermente schiacciato, farà disperdere nel soffritto il suo aroma, senza divenire troppo insistente, e andrà tolto appena inizierà a scurirsi.

A questo punto potete aggiungere la verdura e farla rosolare per bene nella padella per qualche minuto, con l'aggiunta dell'uvetta precedentemente strizzata, delle acciughe e, a seconda dell'esigenza, concludere salando il tutto.

Ripassate bene e, un minuto prima di spegnere il fuoco, aggiungete le mandorle tagliate a lamelle, mescolate e servite.