ingredienti
  • Per il pan di spagna
  • Uova 5 • 750 kcal
  • Farina 00 150 gr • 690 kcal
  • Zucchero 150 gr • 79 kcal
  • Sale marino 1 pizzico • 750 kcal
  • Per la farcitura
  • Ricotta di pecora o vaccina 700 gr
  • Zucchero a velo 350 gr • 79 kcal
  • Gocce di cioccolato fondente 100 gr • 290 kcal
  • Frutta candita • 250 kcal
  • Per la bagna
  • Acqua 2 bicchieri • 79 kcal
  • Zucchero 3 cucchiai • 79 kcal
  • Maraschino q.b.
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La cassata napoletana è un dolce natalizio tipico del capoluogo campano: considerata la regina della tavola di Natale. Si tratta di una versione più "leggera" della classica cassata siciliana, dalla quale differisce per alcuni particolari nella preparazione e nella decorazione che, nella versiona napoletana, è meno barocca. Si tratta comunque di un dolce goloso e buonissimo a base di pan di spagna e ricotta arricchita con gocce di cioccolato e frutta candita. Ecco come prepararla seguendo la tradizione delle mamme e delle nonne napoletana che, durante le feste di Natale, non possono rinunciare alla preparazione della cassata, insieme a roccocò, mostaccioli, struffoli, raffiuli, e a tutti gli altri dolci della tradizione.

Cassata: origini del dolce alla ricotta

Il nome cassata, più che uno specifico dolce, indica una categoria di dolci: quelli preparati con la ricotta. Le origini sono però incerte: tra il IX e il XI secolo venne introdotto in Sicilia, dai Saraceni,  un dolce a base di formaggio, e si racconta che fu la forma tondeggiante a dare il nome a questa preparazione. In arabo, infatti, tondo si dice Quas'at, quindi "cassata". Per altri il nome deriverebbe dal latino Caseum, che in italiano indica tutto ciò che si prepara a base di latte. Per quanto riguarda la storia della cassata napoletana, si racconta che fu il pasticcere Mario Scaturchio a variare per la prima volta la ricetta della cassata siciliana, realizzando una preparazione più semplice e "leggera", Questa nuova versione si è poi diffusa in tutta Napoli, diventando un dolce delle feste natalizie con il nome di cassata napoletana.

Cassata napoletana o siciliana: quali sono le differenze?

Tra la cassata siciliana e quella napoletana ci sono alcune differenze nella preparazione. A Napoli viene utilizzata solitamente la ricotta vaccina, al posto della ricotta di pecora, anche se si tratta di una scelta molto personale: molti infatti non riescono a rinunciare alla morbidezza e al sapore della ricotta di pecora. Nella cassata siciliana, poi, il pan di spagna viene tagliato a striscioline e viene poi utilizzato per ricoprire uno stampo, il cui bordo, viene farcito con strisce di pasta reale. Al centro viene poi versata la ricotta lavorata con lo zucchero, con l'aggiunta di gocce di cioccolato e canditi, ricoperta poi con briciole di pan di spagna. Infine viene capovolta e rivestita di glassa, con pasta reale o di mandorla, e con tante decorazioni barocche. Nella cassata napoletana, invece, il pan di spagna non si capovolge e rappresenta la base del dolce: viene poi bagnato con uno sciroppo al liquore e farcito con la ricotta lavorata con zucchero e gocce di cioccolato, a cui è possibile aggiungere i canditi. Infine viene totalmente ricoperta con glassa di zucchero, detto anche "naspro", oppure con una spatolata di crema di ricotta, e decorata solitamente con ciuffetti di naspro, riccioli di cioccolato fondente o con frutta candita.

Come preparare la cassata napoletana

Per preparare il pan di spagna senza lievito montate le uova con un po' di sale e, non appena avranno raggiunto una consistenza spumosa, aggiungete lo zucchero e montate con la frusta elettrica a media velocità per un quarto d'ora. Aggiungete poi la farina e mescolate con movimenti dall'alto verso il basso, così da non smontare il composto. Versatelo poi in una tortiera di 28 cm di diametro imburrata e infarinata e cuocete in forno già caldo a 170° per circa 40 minuti. Terminata la cottura lasciate raffreddare per alcuni minuti in forno, lasciando lo sportello aperto.

Per la farcia lavorate la ricotta con lo zucchero e lasciatela riposare in frigo per almeno un'ora. Prelavate una buona parte di ricotta e mescolatela con gocce di cioccolato e frutta candita: conservate il resto della ricotta per la copertura della cassata. Tagliate il pan di spagna in due e realizzate sulla base un taglio lungo il bordo, così da ottenere un incavo da riempire con la farcia. Bagnate il pan di spagna con lo sciroppo, ottenuto facendo scaldare sul fuoco 2 bicchieri d'acqua, 3 cucchiai di zucchero e il liquore. Farcite quindi la base di pan di spagna con la farcia di ricotta e ricoprite con l'altra parte di pan di spagna, Ricoprite la cassata napoletana con la crema di ricotta e zucchero e decoratela come preferite.

Consigli

Potete preparare il pan di spagna per la preparazione della cassata napoletana il giorno prima: sarà più facile tagliarlo.

Per la bagna del pan di spagna potete scegliere il liquore che preferite tra Rum, Strega e maraschino.

Chi preferisce potrà aggiungere alla ricotta lavorata con lo zucchero un po' di liquore, così da renderla più aromatica.

Per la copertura potete preparare la glassa di zucchero o naspro. Versate nel mixer 250 gr di zucchero a velo, 1 albume e 1 cucchiaino di succo di limone e mescolate fino a quando non diventa bianca. Una volta pronta versatela sulla cassata napoletana e decoratela a piacere.

Conservazione

Potete conservare la cassata napoletana in frigo per 2-3 giorni all'interno di un contenitore ermetico.