ingredienti
  • Cappello del prete 750 gr
  • Pomodori pelati 250 gr • 79 kcal
  • Olio extravergine di oliva 3 cucchiai • 79 kcal
  • Burro 30 gr • 79 kcal
  • Cipolla 150 gr • 26 kcal
  • Carota 200 gr
  • Brodo di carne 500 ml • 661 kcal
  • Vino rosso 80 ml
  • Rosmarino Q.B. • 661 kcal
  • Timo Q.B. • 661 kcal
  • Sale marino Q.B. • 750 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il brasato di manzo è un secondo piatto della cucina piemontese preparato con la spalla di manzo rosolata in olio extravergine d'oliva e burro e cotta poi lentamente  con vino rosso, cipolla, carote e pomodori. Si serve in fette sottili con il suo sugo. Come si intuisce, la carne da scegliere per un ottimo brasato è quella di manzo perché non è troppo magra e si presta per una lunga cottura.

Infarinate su tutti i lati la carne rimuovendo con delicatezza la farina in eccesso (1). Riscaldate in una pentola dal fondo spesso tre cucchiai di olio extravergine d'oliva ed il burro (2). Rosolate su tutti i lati la carne rigirandola con una pinza da cucina e tenendola almeno un minuto e mezzo per lato, in modo che formi una crosticina dorata su tutta la superficie (3).

Tagliate a dadini di dimensioni uguali le carote e la cipolla e aggiungeteli alla carne. Fate cuocere a fuoco medio (4). Versate il vino ed abbassate la fiamma, lasciando quindi cuocere senza coperchio in modo da lasciar sfumare l'alcool (5). Aggiungete i pomodori pelati precedentemente sgocciolati e frullati, unite due mestoli di brodo e lasciate cuocere per almeno due ore, irrorando la carne ed il sugo con ulteriore brodo nel caso dovesse ridursi troppo (6). Tagliate a fette il brasato e servitelo con il proprio sugo, lasciandolo ridurre leggermente a fiamma bassa nel caso risultasse troppo liquido prima di servire.

Consigli di preparazione

Preparare il brasato non richiede molti passaggi o ingredienti ma certamente pazienza nella cottura e qualche piccolo accorgimento  per una buona riuscita:

  • Infarinate come si deve tutte la superficie della carne rimuovendo quella in eccesso in modo da formare uno strato uniforme: così facendo si formerà una irresistibile crosticina sulla superficie favorendo la rosolatura e di conseguenza il gusto della carne.
  • Rosolate la carne su tutti i lati in modo da avere una crosticina uniforme.
  • Tagliate la cipolla e la carota in piccoli dadini in modo che si cuociano uniformemente.
  • Sgocciolate e frullate i pomodori pelati in modo da ottenere un sugo denso e cremoso.
  • Fate attenzione alla cottura ed aggiungete il brodo se il sugo dovesse iniziare a ridursi per evitare che si bruci sul fondo.
  • Lasciate la carne in sospensione su due mestoli o una griglia in modo che i succhi, che per il calore tenderanno verso l'esterno, si ridistribuiscano prima di tagliare il brasato.

Che vino scegliere?

Il Barolo è il vino migliore per preparare il brasato perché conferisce alla carne un sapore deciso. Se non disponete di un Barolo, usate un vino rosso maturo e con la stessa struttura.

Conservazione

Trattandosi di un secondo, è consigliabile consumare il brasato di manzo immediatamente dopo la preparazione. In alternativa potete conservarlo fino a due giorni una volta cotto tenendolo coperto da pellicola alla temperatura di 8-10°C.