ingredienti
  • Per la pasta
  • Farina tipo 00 350 gr • 750 kcal
  • Uova 3 • 21 kcal
  • Per il ripieno
  • Carne di vitello 600 gr
  • Brodo di carne 1,5 lt • 661 kcal
  • Cipolla 150 gr • 21 kcal
  • Aglio 1 spicchio • 79 kcal
  • Rosmarino 2 rametti • 661 kcal
  • Uova 2 • 21 kcal
  • Parmigiano 80 gr • 374 kcal
  • Verza 60 gr
  • Noce moscata Q.B.
  • Sale marino Q.B. • 750 kcal
  • Pepe nero Q.B. • 79 kcal
  • Olio extravergine di oliva Q.B. • 79 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Gli agnolotti piemontesi sono un primo piatto tipico appunto della tradizione piemontese a base di pasta fresca all'uovo farcita da carne brasata, uova, parmigiano e noce moscata e serviti con un sugo ristretto di carne davvero squisito.

Realizzate la pasta all'uovo ponendo in una ciotola capiente la farina e le uova. Impastate fino ad ottenere un composto sodo ed omogeneo, avvolgete il tutto in pellicola da cucina e riponete in frigo a riposare per almeno un'ora (1). Preparate il ripieno degli agnolotti tritando finemente la cipolla (2). In una pentola antiaderente dal fondo spesso versate due cucchiai di olio extravergine d'oliva ed aggiungete la cipolla con uno spicchio d'aglio tritato finemente e rosolate per un minuto a fiamma alta (3).

Aggiungete la carne e rosolate su tutti i lati. Aggiungete brodo di carne, sale, pepe e rosmarino e proseguite la cottura per circa 3 ore, aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di brodo (4). Una volta terminata la cottura trasferite la carne in un frullatore insieme a verza sbollentata e tritate finemente. In una ciotola impastate la carne con uova, parmigiano e noce moscata (5). A questo punto potete iniziare a realizzare gli agnolotti: con una macchina per la pasta stendete l'impasto fino ad ottenere una sfoglia sottile (6).

Dividete la sfoglia in strisce pari e ponte al centro della prima piccole sfere di ripieno tutte della stessa dimensione distanziando equamente (7). Bagnate leggermente i bordi della prima sfoglia. Coprite con una seconda e fate aderire, rimuovendo l'aria intorno al ripieno pressando leggermente con il dorso della mano (8). Con un coltello affilato dividete i vari agnolotti e sigillateli con una forchetta.

Con un coltello affilato rifinite i bordi di tutti gli agnolotti e teneteli da parte (10). Cuoceteli in abbondante acqua salata finché non saranno saliti tutti completamente in superficie (11). Trasferiteli in una padella con il fondo di cottura della carne e mantecate insieme ad abbondante parmigiano e rosmarino prima di servire (12).

Consigli di preparazione

  • Impastate rapidamente uova e farina fino ad ottenere un composto liscio e lasciate riposare almeno un'ora in frigo per avere poi un impasto sodo ed elastico al tempo stesso.
  • Rimuovete la parte centrale della cipolla per una migliore digeribilità.
  • Rosolate la carne su entrambi i lati per sigillarla ed ottenere così anche una gustosa crosticina.
  • Cuocete la carne per almeno 3 ore in modo che risulti morbidissima, che si sfaldi con un una forchetta.
  • Aggiungete di tanto in tanto un mestolo di brodo di carne per assicurarvi che la carne non secchi o peggio bruci.
  • Stendete la pasta con una macchina per la pasta partendo dalla misura più larga e stringendo poi man mano, ripiegando ogni tanto a metà l'impasto e ripetendo i passaggi per aumentare l'elasticità della sfoglia.
  • Stendete fino a che la sfoglia non sarà semi trasparente e la mano non si veda dall'altra parte.
  • Dividete la sfoglia in strisce della stessa larghezza.
  • Rimuovete l'aria intorno al ripieno una volta ricoperto con la seconda sfoglia in modo che non si aprano in cottura.
  • Passate un po' d'acqua lungo i bordi della prima sfoglia per aiutarvi a sigillare gli agnolotti.
  • Pressate leggermente con una forchetta su tutti  i lati per chiuderli uno ad uno.
  • Mantecate gli agnolotti piemontesi delicatamente in padella con abbondante parmigiano per amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Conservazione

Come ogni buon primo piatto è consigliabile consumare gli agnolotti piemontesi immediatamente dopo la loro preparazione, in alternativa potete coprirli con pellicola da cucina e conservarli alla temperatura di circa 8-10°C per al massimo due giorni.