difficoltà
Facile
tempi
30min
dosi per
6 persone
calorie
350
ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La tortilla di patate è un piatto tipico della cucina spagnola ed è equiparabile ad una frittata di patate più alta e gustosa grazie all'uovo sbattuto e le cipolle. La tortilla de patatas può essere consumata sia come secondo piatto ma anche come tapas: in Spagna, infatti, viene mangiata in qualsiasi bar o ristorante ad ogni ora della giornata perché è un piatto davvero molto sfizioso. Le varianti sono molteplici, tra cui pancetta e spinaci, mantenendo come elemento comune per tutte le tortillas le patate.

Come preparare la tortilla spagnola.

Tagliate le cipolle alla julienne (1). Lavate e pelate le patate e tagliatele in fette spesse circa un paio di millimetri (2). Scaldate in una padella capiente quattro cucchiai di olio extravergine d'oliva e, una volta riscaldata, versate le patate e le cipolle (3).

Fate soffriggere le patate e cipolle per circa un minuto a fuoco alto, abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e lasciate cuocere finché le patate non saranno morbide (4). Versate le patate e le cipolle all'interno di una ciotola capiente, lasciate raffreddare leggermente ed aggiungete le uova sbattute (5). Unite un cucchiaio d'olio extravergine nella padella, versate il composto e fate cuocere la tortilla spagnola cinque minuti per lato prima di servire (6).

Consigli di preparazione.

La tortilla di patate è estremamente semplice da preparare, vi basterà soltanto prendere qualche accorgimento ed il risultato sarà impeccabile ad ogni preparazione

  • Potete immergere le cipolle in acqua leggermente salata per alleggerirne il sapore nel risultato finale.
  • Tagliate le patate con lo stesso spessore e la stessa grandezza in modo tale che la cottura risulti uniforme, evitando così di avere delle patate molto morbide ed altre ancora crude. Aiutatevi quindi con un taglia verdure se necessario, altrimenti tagliate una fetta di patata per crearvi una base piatta su cui poggiarvi e tagliare le successive fette in modo più preciso.
  • In caso non risultino uniformi indubbiamente le patate cuoceranno prima delle cipolle, quindi assicuratevi di rosolare prima le patate, quindi aggiungete le cipolle.
  • Sbattete accuratamente le uova in una ciotola a parte ed aggiungete il sale solo successivamente (si, purtroppo il fatto che il sale aiuti le uova a montare è un falso mito).
  • Fate raffreddare patate e cipolle prima di aggiungere l'uovo per evitare che il calore lo faccia coagulare prima del previsto.
  • Aiutatevi con un piatto grande per risvoltare la frittata delicatamente in modo da non romperla.

Cenni storici.

La tortilla spagnola viene consumata principalmente come tapa: stuzzichini presenti in ogni angolo di strada spagnola e tradizione estremamente popolare. L'origine di questa parola deriva come da tapar, coprire. Gli stuzzichini, che prima consistevano principalmente in salumi e formaggi, venivano posti sopra le brocche di vino per accompagnare la bibita e per tapparla in modo che non vi entrassero insetti all'interno.
L'origine di questi stuzzichini risale a Re Alfonso X e come spesso accade le ipotesi sulle effettive origini sono controverse: dalla più fantasiosa versione che prevede l'ingegno di un cameriere che coprì  il bicchiere del Re con una fetta di prosciutto per evitare che vi entrasse la sabbia a seguito di una raffica di vento fino ad arrivare a quella più plausibile: Il Re non voleva che la gente si ubriacasse troppo in fretta ai suoi banchetti e ordinò che il vino venisse sempre accompagnato da stuzzichini.

Conservazione.

La tortilla di patate può essere conservata per un giorno coprendola e tenendola in un luogo fresco ed asciutto.