difficoltà
Facile
tempi
1h
dosi per
6 persone
ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Lo spezzatino di agnello con patate è un secondo piatto di carne facile da preparare ed è senza dubbio un piatto della tradizione pasquale. La ricetta prevede l'agnello rosolato con la salvia e sfumato col vino. La cottura prolungata farà sì che possiate portare in tavola un piatto eccezionale che si scioglie in bocca.

Vediamo insieme come poterlo cucinare e quali sono i segreti per creare uno spezzatino morbido con contorno di patate.

Come cucinare lo spezzatino di agnello.

Lavate l'agnello, asciugatelo e mettetelo a marinare in una ciotola con vino e olio a cui aggiungete il pepe(1). Lasciatelo marinare per 12 ore. Pelate (2) le patate, lavatele e tagliatele a pezzi (3).

In un tegame, scaldate l’olio con l’aglio, aggiungete l’agnello e la salvia (4) e fate rosolare (5). Quando sarà ben rosolato, sfumate con il vino (6).

Aggiungete alla carne le patate (7), aggiustate di sale, e iniziate aggiungendo un terzo del brodo (8), coprite e lasciate cuocere. Man mano, continuate la cottura aggiungendo il brodo. Lo spezzatino cuocerà a fiamma bassa per circa 40 minuti mescolando di tanto in tanto (9).

Consigli.

  • Per uno spezzatino di agnello senza sorprese, sono ottimi sia il collo che la spalla, ma anche il cosciotto. La carne, poi, andrà sempre porzionata in bocconcini.
  • Potrete sfumare con del vino o con brandy o cognac, ad esempio, scegliete in base al gusto che vorrete dare al vostro agnello e alle verdure o aromi che lo accompagneranno in cottura. Ad esempio, il brandy darà una nota più dolciastra, il vino rosso sarà un po’ più acidulo.
  • La cottura ideale per lo spezzatino d’agnello è quella in tegame a fiamma bassa e, quindi, ad una temperatura non eccessivamente elevata, va quindi evitato l’utilizzo del forno. Al contrario, è possibile utilizzare la pentola a pressione che può sostituire il classico tegame, unica accortezza: utilizzate la metà del liquido di cottura per evitare che risulti eccessivamente umido.
  • Quando taglierete i pezzetti di agnello, assicuratevi di privarli da tutte le nervature così da poter offrire ai vostri commensali un piatto dalla carne tenerissime.
  • Così come nel caso dei nervetti da eliminare, anche il grasso gioca una parte fondamentale nel mantenere la carne morbida e per questo motivo il mio consiglio è di evitare di eliminarlo del tutto.
  • Se mescolerete parecchie volte il vostro spezzatino durante la cottura, sarà più probabile che le patate si sfaldino, viceversa, resteranno più integre.

Varianti.

Per arricchire il piatto, potreste aggiungere altri ortaggi alla preparazione, come: piselli, carote, ma anche topinambur, carciofi, olive e capperi.
Oltre che a spezzatino, l’agnello si presta ad essere cucinato in differenti modi, in umido, al forno o alla cacciatora.

Un comun denominatore tra tutte le preparazioni è il trattamento della carne prima della cottura; infatti, il più delle volte si consiglia di marinarla in modo da donare un gusto più armonico al piatto levando quella punta di selvaggio che spesso viene riscontrata in questa carne e preservarne la morbidezza.