difficoltà
Facile
tempi
30min
dosi per
4 persone
calorie
200
ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Le patate ripiene al forno (baked potatoes) sono un piatto gustoso e sfizioso, da mangiare con amici e parenti. Può essere servito come contorno oppure come piatto unico. Oltre alle patate, l’ingrediente principale di questa pietanza è la fantasia: esistono infatti numerose varianti delle patate ripiene al forno, da farcire a seconda dei propri gusti. La loro origine è inglese: secondo la ricetta tradizionale diffusa nei ristoranti di Londra all’inizio del Novecento, le patate venivano cotte con la buccia e farcite con fagioli, formaggio a scaglie e maionese. Diffuse ben presto anche in Svezia e negli Stati Uniti, sono molto apprezzate anche in Italia, oltre che facili e veloci da preparare.

Come si preparano le patate ripiene al forno.

Lavate e asciugate per bene i tuberi, anche perché non si dovranno sbucciare. Disponete le patate su un tagliere e tagliatele in modo da eliminarne soltanto un quarto, che vi servirà poi per la chiusura. Adagiatele su un foglio di carta da forno con la parte aperta rivolta verso l’alto e fate cuocere in forno ventilato preriscaldato a 160 gradi per 20 minuti. Se avete un forno statico, fatele riscaldare a 180 gradi per 30 minuti. Coprite il tutto con un foglio di alluminio per evitare che si secchino. Trascorso questo tempo, aiutatevi con uno stuzzicadenti per capire se le patate sono cotte.

A questo punto, cominciate a scavare con un cucchiaio la polpa sia delle calotte che delle patate da riempire e tenetela da parte, perché vi servirà per la farcitura. Salate le patate svuotate e tenetele ben in caldo. Intanto, preparate il ripieno che più vi piace, utilizzando gli ingredienti che avete scelto. Quando sarà pronto, riempite le patate e fatele gratinare di nuovo in forno, questa volta in modalità grill per circa 5 minuti. Il vostro piatto sarà così pronto per essere servito ben caldo.

Si possono conservare le patate al forno ripiene?

Le patate ripiene al forno possono essere conservate in frigorifero per almeno due o tre giorni, chiuse in un contenitore ermetico. Se per il ripieno avete utilizzato ingredienti freschi e non decongelati, potete anche conservarle in freezer per circa tre settimane e riscaldarle in forno prima di servirle.

Patate ripiene al forno: tutte le varianti.

Le patate ripiene al forno sono una vera e propria delizia perché ciascuno può personalizzarle come meglio crede. Che si tratti di verdure, di carne o di pesce, qualsiasi tipo di farcitura si sposerà perfettamente con il sapore del tubero. Ci sono però delle versioni più conosciute e replicate in tutto il mondo. Ecco le varianti più famose

  • patate ripiene con tonno: per preparare questa variante utilizzate per il ripieno tonno, formaggio fuso, salsa di pomodoro e origano. Dopo aver cotto le patate secondo la preparazione tradizionale, mescolate il tonno in scatola al naturale con un po’ di burro, formaggio fuso e polpa delle patate precedentemente cotte. Insaporite il tutto con sale, pepe e un filo d’olio. Infine, versate sul composto qualche cucchiaio di salsa di pomodoro e continuate a mescolare. Riempite le patate non sbucciate con questa farcia e infornate fin quando non saranno dorate. Infine, servitele ben calde;
  • patate ripiene con formaggio e pancetta: dopo aver pulito bene le patate, asciugatele con un panno e avvolgetele nella carta stagnola. Infornatele a 220° per circa 90 minuti e, intanto, preparate il ripieno tagliando il formaggio a cubetti e lasciando cuocere la pancetta in una padella antiaderente.
  • patate ripiene con carne: dopo aver preparato le patate, dedicatevi alla realizzazione di questa farcitura. Utilizzate per quattro persone 500 grammi di carne tritata e fatela rosolare a fuoco vivace in un tegame dal fondo ampio con aglio e olio. Potete sfumare anche con del vino bianco. Quando questo sarà evaporato aggiungete alla carne la polpa delle patate, insaporendo con sale e pepe. Se preferite, potete arricchire il composto con della provola tagliata a cubetti. Quando il tutto sarà amalgamato, utilizzatelo per riempire le patate svuotate. La bontà di questa ricetta vi lascerà senza parole;
  • patate ripiene con salsiccia: fate rosolare in padella la polpa delle patate con un po’ di burro, sale, parmigiano e un pizzico di noce moscata. Aggiungete le salsicce sminuzzate e finite la cottura. A freddo aggiungete al composto un uovo, amalgamate e riempite le patate;
  • patate ripiene con prosciutto: soffriggete in una padella un pò di cipolla con il burro, la polpa delle patate e il prosciutto tritato. Quando il composto sarà denso, inseritelo nelle patate scavate e infornate finchè non saranno dorate;
  • patate ripiene con mozzarella e pancetta: è questa una delle varianti più gustose e amate in tutto il mondo. Dopo aver lessato, cotto e tagliato le patate, tagliate la mozzarella a dadini e posizionatela nelle patate prive di polpa. Poi aggiungeteci i dadini di pancetta affumicata, ancora quelli di mozzarella, e chiudete con una spolverata di parmigiano e pepe. Infornate i tuberi in una teglia unta leggermente con l’olio e aspettate che siano pronti;
  • patate ripiene con funghi: per realizzare il ripieno di questa variante dovete trifolare i funghi in una casseruola con aglio, olio e prezzemolo. Aggiungete a fine cottura un po’ di latte e farina. In alternativa potete usare della panna fresca da cucina. Lasciate addensare senza portare a ebollizione e spegnete il fuoco quando la crema sarà ben ristretta. Riempite le patate svuotate con questa crema, infornatele per qualche minuto e il gioco è fatto;
  • patate ripiene vegetariane: potete utilizzare tutte le verdure che volete per creare questo ripieno, dai peperoni agli spinaci ai funghi: insaporitele in padella con sale e pepe e mescolatele alla polpa dei tuberi. Potete aggiungere anche una fetta di formaggio filante da adagiare sulla patata ripiena una volta pronta;
  • patate ripiene vegan: il ripieno è in questo caso composto principalmente dal tofu, a cui potrete abbinare le verdure che più vi piacciono, come pomodori, peperoni o funghi. Tagliate il tofu a pezzetti e inseritelo in un mixer con le verdure. Se vedete che la consistenza è troppo asciutta potete aggiungere un po’ di latte di soia: dovrete infatti avere un composto bello cremoso e denso per farcire le patate già pronte;
  • patate ripiene al cartoccio: dopo aver lavato e tagliato le patate, potete ammorbidirle un po’ nel microonde per massimo 30 secondi. Prendete poi due fogli di alluminio e foderate completamente le patate già farcite. Chiudete i cartocci e infornate per almeno 40 minuti. Servite il piatto ben caldo e accompagnato da un contorno di verdure.

Patate ripiene al forno: origini e tradizioni in giro per il mondo.

Le patate al forno ripiene sono un contorno, ma anche un piatto unico, sfizioso e facile da preparare. Le sue origini sono anglosassoni: già all’inizio del Novecento si aveva notizia di questa pietanza, chiamata baked potato, a Londra, ma ben presto si diffuse in tutto il mondo. Ciascun paese ha riadattato la ricetta originale britannica secondo la propria abitudine culinaria. Così, negli Stati Uniti, dove sono chiamate jacket potatos, sono farcite con burro ed erba cipollina, in Messico con carne affumicata o grigliata, in Svezia con un mix di frutti di mare noto come Skagenröra.