difficoltà
Facile
tempi
20min
dosi per
4 persone
calorie
300
ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Volete concedervi un peccato di gola? Le patate fritte sono il piatto che fa per voi, da preparare a casa in poco tempo per gustarle croccanti e dorate. La forma più classica è quella a bastoncino ma possiamo tagliare le patate in tanti modi diversi anche a seconda delle occasioni. Le patatine fritte sono apprezzate da grandi e piccini in tutto il mondo e possono essere servite in tanti modi diversi: in America si chiamano French fries e vengono spesso ricoperte di formaggio fuso, in particolare cheddar, ma anche salse piccanti, cipolla, mentre in Spagna troviamo le Patatas bravas più spesse e accompagnate da salsa di pomodoro, oltre a maionese oppure paprika. Nella nostra ricetta prepareremo le patate fritte fatte in casa secondo la ricetta olandese: i Paesi Bassi sono infatti la patria delle patate, servite di solito con tante salse gustose. Ecco come prepararle in poco tempo!

Come preparare le patate fritte.

Lavate le patate e pelatele con il pelapatate.(1) Ora mettetele in una pentola con dell'acqua calda, fate bollire pochi secondi (2) poi eliminate l'acqua versando le patate in un colapasta. Lasciatele raffreddare e tagliatele a fette.(3)

Versate le patate in una padella antiaderente con olio extravergine di oliva e fate rosolare.(4) A metà cottura aggiungete il burro(5) e continuate a cuocere per un altro paio di minuti girando di tanto in tanto. Spegnate quando le patate saranno ben dorate e croccanti.(6) Servite accompagnandole con maionese, ketckup o le sale che preferite.

Consigli.

Se volete dare alle vostre patate un tocco più rustico, lasciate la buccia: saranno anche più spesse e molto gustose.

Per preparare le classiche patatine fritte a bastoncino lavate le patate, pelatele e tagliatele a fette orizzontali di 1 cm. Poi tagliatele in lunghezza per ottenere dei bastoncini. Lasciateli per circa 30 minuti in acqua fredda in modo che perdano l'amido in eccesso. Asciugatele e fatele cuocere un una padella dai bordi alti con abbondante olio di oliva o di arachidi che dovrà essere ben caldo: i bastoncini di patate dovranno essere tuffati nell'olio caldo e fritte fino a che non saranno dorate. Infine sollevatele dall'olio e appoggiatele sulla carta assorbente per far perdere l'olio in eccesso. Infine servite calde.

Se invece volete realizzare le chips, tagliate le patate con l'apposita grattugia regolando la lama sullo spessore più sottile in modo da ottenere delle fette quasi trasparenti. Passatele prima in acqua fredda per eliminare l'amido e poi procedete come per le patate a bastoncino, friggendole in olio ben caldo fino alla doratura.

Patate fritte: le regole da seguire per non fare errori.

Come preparare patatine fritte degne del migliore street food belga? Le patate fritte sono state inventate proprio in Belgio, a Namur, in un freddo inverno nel XVII secolo: gli abitanti del posto avevano l'usanza di pescare dei piccoli pesci a forma di bastoncino nel fiume Mosa, che poi friggevano in abbondante olio. In un inverno particolarmente rigido la gelata non permise la pesca, fu allora che fu inventato il taglio a bastoncino delle patate per renderle uguali ai piccoli pesci. A noi però interessa sapere principalmente come prepararle in modo perfetto, evitando quei piccoli o grandi errori che possono rendere le nostre patatine fritte mollicce o troppo piene di olio. Ecco come fare.

  • Scegliete le patate nuove: le patate migliori da utilizzare sono quelle nuove perché contengono poco amido risultando così morbide all'interno e croccanti all'esterno. Meglio quelle a pasta bianca o gialla.
  • Tagliatele uguali: tagliate le patate a bastoncino sottili ma dello stesso spessore, potete utilizzare la mondolina apposita da regolare sul 1/2 cm oppure utilizzare il coltello tagliando le patate prima a fette e poi a bastoncino. Evitate pezzi piccoli o troppo grossi.
  • Mettete le patate a bagno in acqua fredda: per eliminare l'amido in eccesso, che potrebbe comprometterne la croccantezza finale, mettete le patate a bagno in acqua fredda per mezz'ora circa cambiando di tanto in tanto l'acqua fino a che non sarà limpida.
  • Friggete in abbondante olio: per la frittura è importante utilizzare abbondante olio, di oliva o di arachidi, che dovrà essere ben caldo: la quantità dovrà essere 10 volte superiore  La padella ideale è quella con i bordi alti, meglio ancora se con il cestello.
  • Fate una doppia frittura: cuocete le patate la prima volta in olio a 150° al massimo per 7 minuti, scolatele e innalzate la temperatura dell'olio fino a 180°, per la misurazione utilizzate un termometro da cucina. Ora immergete di nuovo le patatine nell'olio per altri 3 minuti fino alla doratura.
  • Non copritele dopo la frittura: una volta pronte adagiatele sulla carta assorbente senza sovrapporle e non copritele altrimenti perderanno la loro croccantezza. Servitele ben calde.