ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La pasta con la nduja è un piatto della tradizione culinaria calabrese, una specialità a base di un salame morbido e piccante composto da carni suine e peperoncino, la nduja appunto, tipico della zona di Vibo Valentia, ma diffuso in tutta la regione. Di solito si spalma sul pane, per smorzarne la piccantezza, me è ottimo anche come condimento per la pasta, con il suo sapore deciso e davvero gustoso. Tra le tipologie di pasta da utilizzare per questa ricetta potete scegliere tra spaghetti, linguine, scialatielli, fusilli, rigatoni, penne, da condire con un sugo a base di cipolla di Tropea, polpa di pomodoro e nduja, aromatizzato con qualche foglia di basilico. Ma ecco come preparare, in modo facile e veloce, questo primo piatto piccante e appetitoso che farà esplodere di gusto le vostre papille gustative, grazie al suo sapore unico e deciso.

Come preparare la pasta con la nduja.

Tagliate la cipolla e fatela soffriggere in una padella antiaderente con l'olio.(1) Appena comincerà a dorarsi aggiungete 50 ml di acqua calda e unite la nduja (2) precedentemente liberata del budello e tagliata a pezzettini. Fate cuocere versando altri 50 ml di acqua calda: mescolate fino a far sciogliere la nduja. Aggiungete ora la polpa di pomodoro e lascite cuocere per un quarto d'ora a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto. Infine aggiungete il basilico. Fate cuocere la pasta in acqua bollente seguendo i tempi di cottura riportati sulla confezione. Una volta pronta scolatela e saltatela in padella con il condimento fino a farla insaporire. La vostra pasta con la nduja è pronta per essere servita ben calda,(3) magari con l'aggiunta di parmigiano grattugiato e una spolverata di pepe.

Consigli.

Per rendere ancora più gustosa la vostra pasta con la nduja potete aggiungere al soffritto di cipolla anche due peperoncini verdi tagliati e rondelle.

Cuocete la pasta al dente e fatela saltare sempre nel sugo per farla insaporite. Un consiglio è quello di utilizzare la pasta integrale che trattiene molto bene il condimento ed esalta il sapore della nduja.

Chi desiderà potrà aggiungere al sugo anche la pancetta o un po' di peperoncino, se volete esaltarne la piccantezza.

Utilizzare poco sale per condire il sugo e la pasta perché la nduja è già abbastanza salata.

Storia della nduja.

La nduja è un prodotto tipico della zona di Vibo Valentia, in particolare di Spilinga dove ogni anno, l'8 agosto, si svolge la sagra della nduja con assaggi a base di questo saporito insaccato. Il nome nduja deriva da "andouille" parola francese che definisce una tipologia di insaccati dalla pasta morbida. La nduja era nel passato un piatto povero: si preparava infatti con le parti meno nobili del maiale, oggi invece se ne utilizzano solo le parti migliori e si impastano con sale e peperoncino calabrese sia dolce che piccante, che conferiscono sapore all'insaccato e il suo tipico colore rosso. L'impasto viene poi inserito all'interno di un budello di maiale: verrà poi sottoposto a leggera affumicatura e lasciato stagionare per alcuni mesi. Una volta pronta la nduja è la regina degli antipasti calabresi, ideale da spalmare su crostini e bruschette e per condire la pasta.

Come conservare la pasta con la nduja.

La pasta con la nduja può essere conservata in frigo al massimo per due giorni in un contenitore ermetico.