ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La parigina è una pizza rustica tipica della cucina napoletana, a metà tra una focaccia e un rustico, composta da una base realizzata con l'impasto della pizza e da un ripieno di prosciutto, pomodoro e formaggio, il tutto ricoperto da un strato di pasta sfoglia croccante. Grande classico dello street food napoletano, la parigina è presente in tutte le rosticcerie insieme agli altri rustici tipici della città. L'origine di questa ricetta gustosa pare risalga agli inizi degli anni '70, da un'invenzione di una rosticceria di Afragola, un comune non lontano da Napoli. La parigina è ottima anche fredda, è uno spezzafame goloso e originale; ottima da servire tagliata in mini porzioni durante aperitivi e buffet di compleanni o feste.

Come preparare la parigina.

Per preparare la parigina cominciate a realizzare l'impasto per la pizza: in una ciotola disponete la farina, aggiungete il sale, mescolate e aggiungete il lievito fatto sciogliere precedentemente nell'acqua. Amalgamate il tutto, riversate l'impasto su di una spianatoia infarinata e lavoratelo fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Fate lievitare per 2 ore l'impasto per la pizza in una ciotola, ricoperto da un canovaccio umido o da pellicola, finché non raddoppia di volume (1). Stendete l'impasto su una teglia ricoperta di carta forno, facendo attenzione a stenderlo fino ai bordi. Ricoprite con il sugo dei pomodori filtrato con l'aiuto di un passino e condito con sale e olio (2). Aggiungete il prosciutto cotto (3).

Aggiungete le fette di caciocavallo (4). Ricoprite con il rotolo di pasta sfoglia rettangolare (5). Bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta e preparate un'emulsione con un tuorlo e il latte (6).

Spennellate la superficie (7) ed infornate la parigina a 180° per 30 minuti. Una volta sfornata lasciatela freddare poi tagliatela (8) e servite la vostra parigina (9).

Consigli.

  • Potete sostituire il caciocavallo con la provola o il fiordilatte, l'importante è che non rilascino troppo latte perché la sfoglia potrebbe assorbirlo in cottura.
  • Spesso si aggiunge un po' di pepe al ripieno.
  • Per un risultato più preciso potete stendere la pasta per la pizza con il mattarello.
  • La salsa di pomodoro non deve essere troppo liquida, perché la sfoglia assorbe molto i liquidi, quindi utilizzate i pelati e riponete lo strato di salsa sulla base della pizza, prima di aggiungere il prosciutto e il formaggio.

Varianti.

Pizza parigina con patate.

Una variante bianca della parigina, senza pomodoro, è quella ripiena di patate, prosciutto e provola. Fate bollire due patate medie in acqua salata e poi tagliatele a fettine sottili, disponetene uno strato sulla pasta per la pizza, aggiungete il prosciutto e la provola. Ricoprite con la pasta sfoglia e poi infornate a 180°per 30 minuti.