ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I nidi di patate sono un antipasto perfetto per il giorno di Pasqua e non mancherà di sbalordire i vostri ospiti. Qualche goccia di limone sarà il tocco finale a una ricetta bella da vedere, semplice ma comunque sfiziosa e in linea con la tradizione pasquale che vede nelle uova uno degli alimenti protagonisti. Il songino usato non è l'unica verdura utilizzabile per il ripieno dei nidi di patate, nel caso non riusciste a reperirlo potrete sempre sostituirlo con insalatina da taglio o con della tenera rucola.

Come si fanno i nidi di patate.

Per preparare i nidi di patate fritte, per alcuni cestini di patate, bisogna, come prima cosa, procurarsi della patate a pasta gialla, pulirle con un panno, pelarle con l'apposito attrezzo e passarle in un robot da cucina che le riduca a julienne. Asciugatele poi con uno scottex in modo da eliminare l'acqua in eccesso naturalmente presente nelle patate.

Intanto mettete a scaldare dell'olio di semi di arachide, il migliore per le fritture, perché tiene bene la temperatura e ha un punto di fumo molto alto (questa sua caratteristica fa sì che, scaldando, non inizi a fumare divenendo tossico). Se lo avete, utilizzate un termometro per misurare la temperatura dell'olio che sarà pronto per friggere quando avrà raggiunto i 180°.

Mettete una manciata di patate a julienne nel pentolino di olio bollente, aspettate qualche secondo e poi, aiutandovi con uno o due cucchiai in legno, avvicinate le patate e create un cerchio (come vedete nella foto qui sotto). Le patate, cuocendo si salderanno. Quando un lato sarà pronto rigiratele usando una schiumarola, finite di cuocere l'altro lato e toglietele dal fuoco prima che si brucino (essendo molto sottili il rischio è alto per cui fate molta attenzione).

Continuate così fino a che avrete preparato tutti i nidi di patate. Adagiateli mano a mano su uno scottex per fargli perdere l'olio in eccesso.

A questo punto lavate e asciugate molto delicatamente il songino. E' una verdura che si "segna" facilmente per cui fate attenzione e maneggiatela con estrema cura.

Prendete le uova, bollitele per otto minuti in acqua calda, fatele freddare naturalmente o sotto l'acqua fredda, sgusciatele e tagliatele in due longitudinalmente (come vedete nella foto qui sotto).

Mettete ogni nido di patate su un piattino monoporzione, aggiungete un poco di songino.

A piacere potete farcire il songino con un cucchiaino di maionese, magari preparandola voi stessi con la ricetta postata qui qualche tempo fa oppure usando quella già pronta. L'aggiunta della maionese non è obbligatoria, i nidi di patate sono buoni anche sol conditi con olio e sale ma certo la maionese aiuterà a legare meglio i vari sapori. Infine aggiungete, a completamento della ricetta, il mezzo uovo sodo. Concludete il piatto con un filo di olio extra vergine di oliva, salate e – se vi piace (a me moltissimo) – aggiungete qualche goccia di limone sull'uovo sodo. Ecco i vostri nidi di patate ripieni. Servite subito. Ricordate che i nidi di patate al forno sono una valida alternativa a questa ricetta. Basta metterli in un forno preriscaldato statico a 180°.

Nidi di patate: varianti di preparazione.

Ci sono molti metodi per realizzare i nidi di patate che verranno poi farciti. Spesse volte si parte da una purea di patate che viene messa in una siringa per dolci e con cui si realizza una specie di vul au vent che poi viene cotto in forno e – una volta freddato – farcito a piacere. Altre volte si realizzano dei nidi servendosi di un apposito cestello doppio all'interno del quale si "imprigionano" le patate a julienne. Il cestello viene poi immerso in olio bollente così che le patate, friggendo, induriscano e prendano la forma di un vero e proprio nido. Il metodo che vi propongo io è quello più "astratto" ma anche più semplice e sbrigativo da usare per realizzare dei nidi su cui adagiare poi gli ingredienti che comporranno il resto della ricetta.

Adesso vediamo, invece, le varianti di preparazione

  • Nidi di patate funghi e scamorza: serviti spesso anche come secondo piatto, sono deliziosi e arricchiscono il tavolo pasquale;
  • Nidi di patate e baccalà: si prepara la mousse di baccalà e si aggiunge, nei nidi, con scaglie di patate;
  • Nidi di patate con salmone: perfette per la vigilia di Natale, potete aggiungere anche dei fili di erba cipollina;
  • Nidi di patate con lenticchie e cotechino: antipasto servito alla vigilia di Capodanno;
  • Nidi di patate e broccoli: non poteva mancare l'alternativa vegan, ottima sia da servire durante una cena che per le feste.