ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La calamarata è un primo piatto tipico partenopeo a base di sugo di calamari, pomodorini, aglio, prezzemolo e con un tipo di pasta a forma di anelli di calamaro. Una ricetta napoletana di pesce estremamente gustosa, che richiede una cottura velocissima e che ha moltissime varianti anche con frutti di mare.

Come preparare la calamarata.

Lavate e pulite i calamari sotto acqua fredda (1). Staccate la testa, togliete gli occhi e il becco, pulite la parte interna della sacca, privateli della loro pelle (2) e tagliateli ad anelli, cercando di farli all’incirca dello stesso spessore della pasta (3).

Sciacquate i pomodori sotto l’acqua corrente e tagliateli a metà (4). In una padella capiente mettete un filo d’olio con lo spicchio d’aglio sbucciato. Unite i calamari (5), sfumateli con il vino bianco e unitevi i pomodorini (6).

Prendete un bicchiere di passata di pomodoro (7) ed aggiungetelo in padella (8). Salate e pepate il vostro sugo e lasciate andare per almeno una ventina di minuti. Nel frattempo mettete la pasta a lessare in abbondante acqua salata.  Scolate la pasta con qualche minuto di anticipo e mettetela in padella con qualche cucchiaio di acqua di cottura (9) e lasciate andare ancora per qualche minuto. Condite con un filo d’olio a crudo e una generosa manciata di prezzemolo. Se volete servire la pasta in modo originale potete finire la cottura al cartoccio. Scolate la pasta al dente e condirla con il sugo di calamari e pomodori, fate dei pacchettini monoporzione con la carta forno e sigillateli per bene, infornate a 200° per circa 5 minuti.

Varianti.

Calamarata con frutti di mare.

A Napoli è molto conosciuta anche la calamarata ai frutti di mare. Il gusto è più intenso e meno delicato della calamarata originale. Utilizzate 400 grammi di vongole, 400 grammi di cozze, 400 grammi di gamberoni e 400 grammi di calamari. Il sugo viene preparato in base ai tempi di cottura di ogni frutto di mare. In una padella capiente mettete un filo d'olio, uno spicchio d'aglio e le cozze e le vongole, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e chiudete con un coperchio per qualche minuti, fino a che tutti i gusci si saranno aperti. Una volta aperti togliete sia le cozze che le vongole e mettetele da parte. In padella mettete i pomodorini tagliati a metà e la passata di pomodoro, unite i calamari e lasciate andate per circa 2o minuti. A cinque minuti dalla fine della cottura unite i gamberoni, precedentemente puliti, e lasciate che si cuociano completamente. Spegnete il fuoco e unite nuovamente le cozze e le vongole sgusciate e condite con una generosa manciata di prezzemolo tritato. Unite quindi la pasta, fate saltare in padella per due minuti e servitela ben calda.

Calamarata alla siciliana.

La versione della calamarata alla siciliana è particolarmente gustosa e golosa. Tagliate a dadini 2 melanzane e mettetele in padella con uno spicchio d'aglio e un filo d'olio. Aggiungete 400 grammi di pomodorini tagliati a metà e qualche cucchiaio di passata di pomodoro. Aggiustate di sale ed unite i calamari puliti e tagliati ad anelli. Lasciate andare per circa 15 minuti poi aggiungete una fetta di pesce spada tagliata a dadini. Ora aggiungete una manciata di olive nere e prezzemolo tritato. Condite la vostra pasta con questo delizioso sugo che richiama tutti i profumi della Sicilia.

Calamarata con pesce spada.

La calamarata con ragù di pesce spada è un primo piatto tipicamente mediterraneo che può essere preparato sia nel periodo primaverile che in quello estivo. Usate i pomodorini per insaporire il piatto e seguite la ricetta originale della calamarata passo passo.