difficoltà
Facile
tempi
1h 10min
dosi per
4 persone
calorie
122
ingredienti
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

L’agnello al forno con patate è un grande classico delle tavole di Pasqua e si prepara con tagli pregiati come il carrè o il cosciotto. Ogni famiglia ha le sue varianti, la ricetta che vi propongo oggi è quella base, ma continuando nella lettura, scopriremo insieme le diverse varianti per un arrosto d’agnello di sicuro successo!

Come cucinare l’agnello al forno con patate.


Lavate l'agnello, asciugatelo e mettetelo a marinare in una ciotola con vino e olio a cui aggiungete il pepe e il rosmarino (1). Fatelo marinare per 12 ore.

Pelate e pulite le patate, tagliatele a fettine, e fate lo stesso con la cipolla.

Nella stessa ciotola della marinata, inserite patate cipolla e agnello e lasciate riposare per almeno un'ora (2). Trascorso il tempo, salate e disponete le patate con la cipolla sul fondo di una pirofila unta con olio, sopra queste posizionate i pezzi di agnello (3) ed infornate in forno preriscaldato a 200°C e statico. Vi consiglio, di abbassare la temperatura a 180°C dopo i primi 10 minuti e rialzarla solo per gli ultimi 15 minuti.

Quali patate scegliere per l’agnello al forno?

Personalmente ho usato patate a pasta gialla, ma sono ottime anche le patate a buccia rossa o quelle novelle ben pulite e lasciate anche, se lo gradite, con la buccia (in questo caso, vi consiglio di cuocere le patate per circa 15 minuti a solo e poi aggiungere l’agnello.

Varianti.

L’agnello si presta ad essere conto in diversi modi, quel che importa è il modo in cui la carne viene trattata prima della cottura così da evidenziarne il suo buon sapore ed ottenere una consistenza quanto più masticabile e morbida. Se per la cottura dell’agnello in umido la marinatura può anche essere omessa, per la cottura al forno, così come avviene per l’agnello in padella, è bene non saltare mai questo passaggio.
Oltre che essere accompagnato dalle patate, potreste arricchire il contorno con piselli e/o carciofi (in questo caso, tagliateli a spicchi) che andrete ad aggiungere giusto prima di infornare, ma anche le olive possono essere un ingrediente in più da utilizzare per dare ulteriore sapore al nostro piatto.
Vediamo ora in che modo viene declinato in Italia il più classico arrosto d’agnello, tenendo presente, che ogni regione ha al suo interno tantissime altre varianti.

Agnello al forno alla pugliese.

In Puglia viene aggiunto il pomodoro e l’origano.

Agnello al forno all’abruzzese.

Alloro, aglio, sedano e carota sono gli ingredienti che caratterizzano la versione abruzzese dell’agnello al forno.

Agnello al forno alla romana.

Nella versione romana troviamo più spesso la salvia e, alle volte, le acciughe, ad accompagnare i più classici rosmarino e patate.

Agnello al forno alla sarda.

Il mirto, uno degli ingredienti simboli della Sardegna non può di certo mancare nella cottura dell’agnello al forno e spesso vi ritroviamo accostati anche i carciofi.

Agnello al forno alla napoletana.

Nella tradizione napoletana, l’agnello al forno non è solo una tradizione di Pasqua, ma anche natalizia. Alcune famiglie usano ungere con lo strutto la carne dell’agnello e come contorno le patate novelle con tutta la buccia.

Agnello al forno alla siciliana.

Spesso, in Sicilia, si usa il vino rosso per la marinata e si punta ad una cottura meno violenta e prolungata. Di norma si predilige l’uso della cipolla a quello dell’aglio.